Redditi in crescita divorati dal fisco

di Redazione PMI.it

scritto il

I dati sui redditi degli italiani tra il 2003 e il 2013: entrate in crescita ma la pressione fiscale limita i benefici.

Nel periodo di tempo compreso tra il 2003 e il 2013 il reddito degli italiani è cresciuto del 28,5%, un aumento significativo se non fosse per il corrispondente incremento della pressione fiscale che ne limita notevolmente i benefici.

=> Fisco: le novità del 2015

Secondo quanto riferito dall’Ocse, in dieci anni gli stipendi sono passati da una media di 23mila euro a 30mila euro annui, tuttavia una buona fetta (pari a 4mila euro) è stata spazzata via a causa degli adempimenti fiscali.

Il peso delle tasse, quindi, ha intaccato enormemente il reddito medio nazionale facendo svanire gli effetti positivi dell’incremento dei compensi.

Dando uno sguardo a quanto è accaduto negli altri paesi dell’Eurozona, i redditi più cospicui in termini assoluti caratterizzano il Lussemburgo (da 39.587 euro lordi a 52.902 euro nel medesimo lasso di tempo), il prelievo fiscale è maggiore in Belgio (pari al 42,6% del reddito nel 2013), nazione seguita dalla Germania, dalla Slovenia e dall’Olanda, mentre l’Italia si colloca in quarta posizione.

=> Nuovo modello 730 precompilato al via