Congedo facoltativo per i padri: nuovi limiti

di Teresa Barone

scritto il

Cambiano le regole per richiedere il congedo facoltativo per i padri lavoratori dipendenti.

Per l’anno in corso entrano in vigore nuovi limiti relativi alla possibilità di accedere al congedo facoltativo previsto per i padri lavoratori dipendenti, secondo quanto stabilito dalla Riforma Fornero e non rinnovato dal Governo per il 2017.

=> Paternità fonte di produttività

Come annuncia l’Inps attraverso un messaggio ufficiale (n. 1581/2017), i padri non potranno usufruire dei due giorni di congedo facoltativo concessi oltre i due giorni obbligatori, misura che dava la possibilità di subentrare alla madre nella cura del neonato entro cinque mesi dalla nascita.

«Il congedo facoltativo per i padri lavoratori dipendenti può essere fruito nei primi mesi dell’anno 2017 (entro il consueto termine di 5 mesi dalla nascita o dall’adozione/affidamento) solamente per eventi parto, adozione e affidamento avvenuti nell’anno 2016.»

=> Il nuovo congedo di paternità

Questo è parte del contenuto del messaggio diffuso dall’Istituto di Previdenza, che sottolinea anche come la misura introdotta in via sperimentale dalla Riforma Fornero e prorogata per l’anno 2016 grazie alla Legge di Stabilità sia stata bloccata per l’anno in corso, rimanendo valida solo per gli eventi che si sono verificati nell’anno 2016.

I Video di PMI

Partite IVA dipendenti