Manager partecipate: stop alle buonuscite

di Teresa Barone

scritto il

Dal 31 luglio le partecipate statali non potranno erogare trattamenti di fine mandato ai manager.

Il 31 luglio scade il termine per l’adeguamento degli statuti delle partecipate statali non quotate, che come previsto dalla Riforma della PA voluta dalla Ministra Marianna Madia non potranno più prevedere trattamenti di fine mandato a favore dei manager o riconoscere gettoni di presenza, premi di risultato deliberati successivamente allo svolgimento dell’attività a favore di amministratori e altri componenti.

=> Dirigenti PA, stipendi a confronto

Secondo quanto previsto dalla normativa, non si potranno creare nuovi organi, accentrare le deleghe e viene esclusa la carica di vicepresidente: in caso di necessità, questa figura non può comunque percepire compensi aggiuntivi.

I manager delle società partecipate, inoltre, non potranno essere dipendenti delle amministrazioni pubbliche controllanti e vigilanti e non potranno beneficiare di indennità diverse da quelle previste dalla legge o inserite nei contratti.

=> Declassamento volontario per i dirigenti statali

La normativa, infine, impone il rispetto dell’equilibrio di genere (nella misura del 33% delle nomine).

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI

Guida ISEE: compilazione DSU