FMI: stipendi italiani fermi al 1995

di Teresa Barone

scritto il

Le considerazioni del Fondo Monetario Internazionale sui redditi degli italiani: ritorno ai livelli pre-crisi entro il 2025.

La situazione economica italiana si caratterizza attualmente per un lieve recupero rispetto al passato, tuttavia si riuscirà a ritornare ai livelli reddituali che hanno caratterizzato gli anni precedenti alla crisi solo tra molti anni, entro il 2025.

=> Dirigenti PA, stipendi a confronto

Questo è quanto sostiene il Fondo Monetario Internazionale, sottolineando un ampliamento del divario del reddito dell’Italia con la media dell’area euro. Solo varando adeguate misure “sul lato della spesa e delle entrate” sarà possibile favorire la crescita e ridurre il debito pubblico, facendo in modo che nel prossimo decennio i redditi possano crescere del 10% e che i posti di lavoro aumentino notevolmente.

=> Stipendi italiani a confronto

Il FMI sostiene, inoltre, che la situazione della classe lavoratrice italiana sia inferiore ai livelli del 1995: la crescita appare limitata soprattutto per i lavoratori e i giovani, fra i quali il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 35%. Fondamentale, secondo il Fondo, è migliorare la contrattazione:

«Allineando i salari alla produzione per lavoratore a livelli aziendale invece che a livello nazionale si tradurrebbe in un aumento del 4% del numero degli impiegati».

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI

Guida alle ferie aziendali