L?importanza strategica della Retention

di Chiara Basciano

scritto il

Avere dipendenti soddisfatti incide anche a livello economico in un?azienda. Ecco le strategie degli HR Leader.

Quando si parla di “Employee Retention” si intende la capacità di un’organizzazione di trattenere i propri dipendenti, puntando sulla loro soddisfazione. Una questione che interessa il 93% degli HR Leader, che sono alla costante ricerca di metodi per permettere ai dipendenti di lavorare in un clima sereno senza che venga mai a mancare la giusta motivazione.

Quali quindi le zone strategiche alle quali dedicare le maggiori attenzioni? Intanto la qualità dei progetti assegnati, ma anche la possibilità di fare carriera, gli incentivi, non solo economici, la serenità del clima aziendale, la qualità delle relazioni tra i collaboratori, l’allineamento tra cultura aziendale e personale, il coinvolgimento attraverso le comunicazioni.

=> Leggi i dati dell’HR Barometer 2013

Tutte aree strategiche, come confermato anche dai dati dell’HR Barometer, dove si evidenzia come a livello globale gli strumenti più utilizzati dalle aziende nel campo della Retention siano il “Training & Development” e la “Compensation & Benefits”. Per più del 50% degli HR Leader in Europa, Asia e Nord America, infatti, il 2013 significherà soprattutto formazione e sviluppo, mentre il 47% delle aziende punterà invece sull’offerta di aumenti salariali e benefit.

Una questione importante anche dal punto di vista economico, dopo le evidenze che confermano come i dipendenti soddisfatti siano capaci di svolgere meglio il loro lavoro, e di garantire anche la soddisfazione del cliente. Senza contare i costi collegati al turnover del personale.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari