Avere un Technical communicator nella propria azienda

di Fabrizio Scatena

scritto il

Il Technical communicator è una figura chiave per le aziende che puntano su strategie comunicative logiche e pragmatiche

Il Technical communicator è una figura professionale interdisciplinare che svolge mansioni di redazione tecnica e sviluppo di prodotti editoriali per aziende ed altre organizzazioni. È una figura chiave soprattutto per le organizzazioni che nel proprio lavoro quotidiano utilizzano documentazione tecnica: manuali, tutorial, brochure, white papers, schede prodotto, ecc. che saranno letti da altre persone che lavorano nell’area tecnica, o dal più vasto target dei consumatori.

Spesso i Technical communicator collaborano con altre figure professionali dotate di elevate competenze e conoscenze di natura tecnica e scientifica, come ingegneri, scienziati o tecnici che utilizzano documentazione tecnica per il proprio lavoro.

Solitamente il Technical communicator non è un vero e proprio esperto di una disciplina in particolare, come l’elettrotecnica ad esempio, ma grazie al suo armamentario di conoscenze e competenze, è in grado di creare strutture logiche e linguistiche chiare ed efficaci, per comunicare informazioni specialistiche.

Un abile Technical communicator deve possedere consolidate basi linguisitche, uno stile di scrittura chiaro, sintetico ed efficace, capacità di fare ricerche ed interviste. Deve, inoltre, padroneggiare le seguenti aree:

  • information design;
  • architettura dell’informazione;
  • sviluppo di materiale per la formazione;
  • creazione di illustrazioni;
  • elementi di tipografia

La Technical communication come suggerito da Vilma Zamboli, vera e propria esperta del settore, è divisa in due sotto aree: la technical communication e la marketing communication.

Nella technical communication lo scrittore è il ponte tra chi sviluppa prodotti e servizi (cellulari o software ad esempio) e gli utilizzatori finali; è quindi una sorta di uomo ponte che rende chiare ed accessibili tutte le informazioni tecniche per gli utilizzatori finali, e non di rado anche per i progettisti. Il suo compito principale è di spiegare ciò che non è facilmente comprensibile.

L’altra area in cui troviamo i Technical communicator è la marketing communication. In questa area il compito principale dello scrittore è di persuadere i lettori, presentando i prodotti e servizi delle aziende che nel miglior modo possibile, perchè possano essere commercializzati e comunicati insieme all’immagine aziendale.

Quali sono le opportunità di carriera di un Technical communicator in Italia?

Mentre nei paesi anglossassoni la figura del Technical communicator è riconosciuta dagli anni ’50, e tenuta in forte considerazione dalle aziende, in Italia non c’è ancora piena consapevolezza di quanto sia importante questa professione per migliorare la comunicazione, interna ed esterna, nelle organizzazioni.

Nel nostro Paese i Technical communicator sono prvalentemente free lance, che per trovare lavoro, devono sfruttare le loro stesse abilità comunicative e spiegare alle aziende le potenzialità che questa professione può offrire.

In Italia, un solido punto di riferimento, per formarsi alla technical communication ed entrare in un network di profesisonisti ed appassionati della disciplina, è il gruppo Writec, attivo dal 1999, e vincitore di numerosi premi e riconoscimenti.