Compensi dei CdA bancari USA alle stelle

di Teresa Barone

scritto il

Il New York Times pubblica le retribuzioni dei vertici bancari a stelle e strisce: Goldman Sachs in cima alla classifica, seguito da Morgan Stanley.

Nonostante la crisi globale abbia dato il via a una catena di licenziamenti anche nel settore bancario, i tagli non hanno toccato da vicino i compensi dei top manager statunitensi appartenenti ai CdA dei più stimati istituti di credito.

A rendere note le retribuzioni dei vertici delle banche a stelle e strisce è uno studio della Equilar pubblicato sul New York Times, dove leggiamo come i compensi siano lievitati fino a sfiorare il 60%.

Secondo il tabloid, inoltre, i più pagati sono i top manager di Goldman Sachs, con una retribuzione media pari a quasi mezzo milione di dollari nel 2011 (precisamente 488,709 dollari), cifra cresciuta del 50% rispetto alle remunerazioni del 2008.

Stando alle dichiarazioni rilasciate dal portavoce di Goldman, tuttavia, l’entità dei compensi è dovuta prevalentemente all’assegnazione di azioni (non monetizzabili fino alla fine del mandato). Per alcuni dirigenti con responsabilità extra le retribuzioni salgono ancora, e questo nonostante occupino questo ruolo solo part-time.

=> Leggi perché gli stipendi dei dirigenti resistono alla crisi

Ai compensi da capogiro del CdA di Goldman Sachs seguono quelli percepiti dai membri del board di Morgan Stanley, dove i direttori percepiscono una media di 350mila dollari, mentre Citigroup ha visto lievitare i compensi degli amministratori del 64% tra il 2008 e il 2011.

Seguono, ancora, i top manager di JPMorgan (278,194) e Bank of America (275mila dollari).

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari