Quando al lavoro si litiga

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Spesso durante il lavoro nascono delle litigate tra i colleghi, ecco quali sono i motivi più frequenti di un litigio.

I rapporti tra colleghi sono sempre stati complicati e molte volte delle piccole discussioni si trasformano in delle vere e proprie litigate. Ma questi litigi perché si scatenano ?

=> Il carattere: l’alleato per i rapporti di lavoro

I motivi principali sono:

  • spazi stretti;
  • comportamenti scorretti;
  • sciatteria;
  • sovrapposizione di mansioni;
  • balzi in carriera;
  • incapacità;
  • posto di lavoro non sicuro;
  • colleghi di lunga data;
  • accanimento dei colleghi;
  • cattivi rapporti con il capo.

Lavorare in spazi molto delimitati fa si che lo stress e la frustrazione scateni litigi con il compagno di scrivania. Non mancano poi i comportamenti scorretti da parte dei colleghi, che molto spesso pensano solo alle proprie faccende private durante l’orario lavorativo, usano troppo spesso lo smartphone, sottraendo tempo al lavoro. Tutto ciò porta tra i colleghi dei fastidi che molto spesso si trasformano in litigate. Un altro problema che può sembrare futile è l’abbigliamento, molti lavoratori si lamentano degli abiti non consoni dei propri colleghi.

Per quanto riguarda invece i compiti sul lavoro, capita spesso che qualche collega faccia una mansione che non gli apparteneva prendendo il lavoro ad un suo collega, ecco perché molte volte rubare il lavoro non viene preso assolutamente come un favore ma come una mancanza di rispetto. E proprio quel lavoro magari porta ad un salto di carriera ? magari no, il balzo di carriera in qualsiasi caso è percepito sempre come uno dei motivi scatenanti per una litigata, questo balzo sia se giusto o no, sviluppa molta invidia nell’ambiente di lavoro.

Quando invece la promozione è lontana un altro dei litigi più diffusi è quello dell’incapacità, nonché sbagliare a svolgere un lavoro che va a penalizzare anche tutti gli altri colleghi.

=> Troppe liti in ufficio? Produttività a rischio 

Negli ultimi tempi i litigi sono più frequenti perché lo stress con il posto di lavoro sempre incerto è più sviluppato, questo stress se non controllato può ricadere in uno sfogo anche per motivi futili verso un collega.

Ma anche chi sul posto di lavoro ci sta da anni, i problemi sono sempre frequenti, lavorare con colleghi di lunga data può portare ad una totale conoscenza dei difetti, che con l’accumulo degli anni il continuo sopportarli, possono portare ad una minore tolleranza e ad un aumento di litigi. Bisogna pensare però che i litigi sono presenti anche nei migliori dei rapporti, questo infatti non vuol dire che dopo il litigo la situazione rimane tale, molte volte dopo un litigio fra colleghi la situazione può addirittura migliorare. Questo invece non può accadere quando il motivo dei litigi e l’accanimento verso un collego, questo problema porta addirittura all’isolamento del lavoratore.

=> Il mobbing continua a mietere vittime

Infine il rapporto con il capo è sempre il tasto dolente di ogni lavoratore. Alcuni rapporti sono cosi ostili che i lavoratori possono arrivare a litigare con il capo una o due volte a settimana.