Perché cambiare lavoro

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Non sempre il lavoro che si ha è quello giusto, ecco i motivi per cambiarlo.

Il lavoro è la base per avere una propria indipendenza sia economica che privata, il lavoro quasi per tutto è l’inizio in cui si prendono le proprie responsabilità e la propria vita in mano. 

=> Devo cambiare lavoro 

Quando si cerca lavoro si tenda in primis a trovare qualcosa che corrisponda alle proprie passioni e capacità, ciò quindi che si addice alla propria persona. Non sempre però si riesce in questo intento, quasi mai, molto spesso capita di trovare persone in ruoli assolutamente al di fuori da ciò che sognavano di fare. Molto spesso sin da giovani si decide di abbandonare il proprio sogno e conseguire un percorso di studi che favorisce poi un lavoro futuro.

Un manager che voleva fare il manager, accetterà in maniera migliore tutte le avversità nel suo percorso lavorativo, un manager che voleva fare il pittore, nel tempo ne risentirà di più di tutti gli eventi del lavoro.

Ciò potrebbe portare a pensare e se cambio lavoro?

Naturalmente cambiare vita e cambiare lavoro può capitare a chiunque, spesso rimane solo un pensiero, altre volte diventa realtà.

La prima regola però è capire se cambiare lavoro è un capriccio oppure una vera e propria esigenza. Ecco allora i motivi principali per cui diventa d’obbligo cambiare lavoro.

In ballo si trova sempre lo stipendio, cambiare lavoro molto spesso significa trovare un impiego più redditizio. 

Ma non sempre il lato economico è il motivo per cui avviene la voglia di cambiare lavoro, capita ancora più spesso per problemi di stress, quando ci si trova in un ambiente lavorativo che rende stanchi e stressati è difficile addirittura recarsi al lavoro. Molto spesso un semplice collega scontroso può diventare con il tempo un grande problema, stessa cosa per un capo troppo esigente e pressante. O nel caso inverso anche nel caso in cui il manager deve vivere con lavoratori poco collaborativi.

=> Cambiare lavoro è la scelta giusta? 

Un altro valido motivo è la voglia di cambiare, migliorarsi e fuggire dalla propria realtà, ciò avviene quasi sempre quando oltre a cambiare lavoro si cambia del tutto anche il settore. Si parla quindi di coloro che non cambiano azienda solo per una retribuzione più alta, ma cambiano azienda, luogo, lavoro, settore e tutto ciò che faceva parte del precedente lavoro. 

Infine bisogna specificare che cambiare lavoro non è facile come a dirsi, inoltre molto spesso è importante analizzare i pro e i contro della scelta che si sta per prendere e capire che i problemi che si hanno sono risolvibili o meno.

In alcuni casi parlarne al proprio superiore potrebbe risolvere parte dei problemi.