Inventarsi un lavoro

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Dopo l'interruzione di un rapporto di lavoro, ecco come ricominciare.

Il lavoro è ciò che occupa le giornate di molte persone, che sia per passione o per necessità, è ciò che da sempre serve per guadagnare uno stipendio. Ma purtroppo spesso non va tutto liscio come si spera, il lavoro in molti casi può avere delle svolte negative, mettendo così i lavoratori in dure conseguenze e difficoltà. La chiusura di un’azienda, un licenziamento improvviso o altri eventi che determinano l’interruzione di un rapporto lavorativo, mettendo così in obbligo il soggetto in questione a trovare un nuovo lavoro. Ma a qualsiasi età succede una situazione del genere, il problema è sempre lo stesso, come ricominciare, reinventarsi e trovare un nuovo lavoro. 

=> Ricominciare a 50 anni

Per affrontare determinate situazioni è importante mantenere la calma, elemento che può rivelarsi difficile, con il variare del motivo dell’abbandono del lavoro. Dopo di che è importante tenere a mente la strada che si vuole iniziare a percorrere, che sia un nuovo lavoro ma nello stesso ambiente o che sia un lavoro del tutto diverso. L’importante è capire da subito ciò che si vuole fare e non fare. Tutte le difficoltà aumentano e diminuiscono anche a seconda dell’età, a 30 anni sarà sicuramente più semplice ricominciare che a 50 anni. Anche se in alcuni casi ricominciare da zero è comunque sempre complesso e lungo. A tutto ciò possono influire le capacità, le conoscenze, gli studi, le qualifiche, le specializzazioni e quant’altro.

=> Licenziamento per ricominciare 

Ma dopo tutto ciò la domanda resta sempre la stessa, come ricominciare?  Le strade da percorrere possono essere diverse, tra queste, imparare un nuovo mestiere, avviare un’attività propria, ricominciare nel proprio campo. Tutte le strade sono difficili allo stesso modo, non sempre ricominciare nel proprio campo significa avere strada facile, al contrario in alcuni versi è anche più difficile. Il primo passo da fare è capire, sia in caso di licenziamento o altro, perché il percorso si è terminato, capire questo elemento è fondamentale per capire quale punto migliorare per ricominciare. Inoltre la fine di un percorso, non significa solo fallimento, ma spesso un cambiamento serve per rimettersi in gioco, per sperimentare nuovi ambienti o per specializzarsi e quindi migliorarsi. Dopo tutto ciò si devono analizzare i pro e i contro del percorso scelto e capire se l’idea può diventare realtà. Naturalmente spesso i tempi si rivelano lunghi e difficili, questo però non deve diventare un ostacolo insormontabile, ma deve essere invece, la spinta giusta per completare il percorso scelto e riprendere il lavoro in mano.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari