Licenziamento e paura

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Quando si intraprenda una strada lavorativa oltre le classiche problematiche, si tende ad avere paura di essere licenziati, ecco come superarla.

Molti lavoratori vivono con la paura di essere licenziati, ma se si evitano alcuni comportamenti si può vivere il lavoro con molta più tranquillità. Il lavoro è una fonte di stress, sopratutto in un periodo che trovarlo è difficile, da subito si devono affrontare tantissime problematiche e spesso ci si sente soffocare.

=> L’ansia del licenziamento

Ma vivere il proprio percorso lavorativo con mille paure non aiuta affatto, paure che nascono sia per reali motivazioni che non. Ovviamente è facile cadere in tali vortici, purtroppo perché le storie e gli accaduti che ruotano intorno al lavoro sono moltissimi e molto negativi. La paura del licenziamento è infatti la più diffusa, i lavoratori che vivono tale trauma vivono ogni giorno sotto stress, rischiando di andare a danneggiare lavoro e salute. Al giorno d’oggi le cause di un licenziamento possono essere anche di tipo economico, se però la situazione dell’azienda dove si lavora non ha questo problema, non bisogna preoccuparsi. L’importante è conoscere le cause per cui si può essere licenziati e stare lontano da quei comportamenti che potrebbero interrompere il proprio percorso lavorativo. La produttività sul posto di lavoro è fondamentale, tutte le distrazione che possono andare ad abbassarla, devono essere eliminate. Le pause sono un diritto del lavoratore, ma nelle ore e nel momento giusto. Alzarsi ogni momento per il caffè, per la sigaretta, per una chiamata non è l’atteggiamento giusto se non si vuole essere presi di mira dal proprio capo. Ed ovviamente evitare tutto ciò che può danneggiare in qualsiasi modo il rapporto di lavoro con il capo o procurare danni all’azienda.

=> Come superare un licenziamento

Avere paura del licenziamento può far lavorare male, ma essere troppo sicuri del proprio posto, può danneggiare nello stesso modo. Questo perché ci si sente liberi e in diritto di poter fare ciò che più pace. Per questo è importante impegnarsi nel proprio lavoro e portare a termine i propri obiettivi e progetti, più per se stessi che per il proprio capo. In poche parole è un processo che tende a rovinare la propria carriera, in quanto lavorare sotto stress significa lavorare male e tale comportamento potrebbe portare dei dubbi al proprio capo. Bisogna precisare che il licenziamento inoltre avviene per motivi ben precisi, dettati dalla legge e dalle regole vigenti, se il proprio percorso non produce nessun problema tale evento è al quanto impossibile.