Il demansionamento

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Demansionamento sul lavoro, le difficili conseguenze e le motivazioni, ecco quali sono.

Il demansionamento è una modifica delle mansioni del lavoratore, da parte del proprio superiore, che potrà procedere con il demansionamento anche senza il consenso del lavoratore.

=> Demansionamento: risarcimento senza mobbing

Per demansionamento si intende la modifica delle mansione, che può avvenire con l’assegnazione di incarichi di responsabilità minore e con una minor richiesta di competenze. Bisogna però precisare anche nel demansionamento ci sono dei limiti, in primis non si potrà fare un demansionamento sotto lo specifico livello di inquadramento del lavoratore. Non potranno esserci modifiche alla retribuzione percepita.

=> Mobbing sul lavoro

Per i contratti collettivi nazione e la contrattazione di secondo livello, possono essere presenti delle modifiche di demansionamento praticato in specifici settori professionali o in specifiche aziende che  prevedono anche possibilità di demansionamento non esplicitamente previste dal decreto. Inoltre in questo caso può essere presente una verificha sulla retribuzione, con possibilità di ribasso dello stesso. Inoltre con i patti certificati in specifiche sedi i datori di lavoro e lavoratori potranno accordarsi sull’eventuale modifica delle mansioni, ciò avviene per diversi motivazione, mantenimento dell’occupazione, per evitare il licenziamento, acquisizione di nuove professionalità, conciliazione tra vita e lavoro, per motivi di salute, promozioni.