La partita IVA

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Partita IVA e dipendenti tutto quello che bisogna sapere.

Spesso il pensiero che accomuna gli italiani che lavorano è quello di avere una retribuzione non abbastanza soddisfacente, per questo motivo ma anche per altri, si cerca sempre un modo per guadagnare qualcosa in più, il tutto però deve avvenire seguendo le regole imposte dalla legge. In alcune condizioni è possibile avere sia un lavoro dipendente o assimilato che una Partita IVA, questo significa ricevere sia una busta paga aziendale, sia redditi derivanti da lavoro autonomo. 

=> Pensione requisiti 2016

Se si vuole intraprende questa strada, bisogna avere chiari alcuni passaggi, tra questi il versamento dei contributi INPS, gli obblighi di comunicazione ai datori di lavoro e il cumulo dei redditi. Il dipendente privato che decide di aprire una Partita IVA, come ditta che sia individuale o società o come libero professionista, non deve trasgredire divieti inseriti nel contratto di lavoro. Anche per quanto riguarda la comunicazione con il proprio datore di lavoro, non esistono obblighi espliciti, potrebbe però essere comunque meglio comunicare tutte le eventuali informazioni, evitando così qualsiasi problematica.

=> Lavoro dipendente che passione

Per quanto riguarda le regole previste dalla legge è importante ricordare l’art. 2015 del Codice Civile, che tratta l’obbligo di fedeltà da parte del lavoratore. Per questo motivo il lavoratore non può divulgare notizie riguardanti la propria azienda, o allo stesso tempo non può farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio. In caso di violazione dell’obbligo di fedeltà il dipendente può essere licenziato ed inoltre è tenuto a risarcire il datore di lavoro dei danni subiti.

=> Azienda, gli errori iniziali

Infine per quanto riguarda contribuzione previdenziale INPS, per il dipendente a tempo indeterminato full time, che avvia un’attività d’impresa commerciale, non è necessaria l’iscrizione alla Gestione commercianti dell’INPS né il versamento di ulteriori contributi. Per un lavoratore dipendente che avvia un’attività da libero professionista, è previsto l’obbligo di iscriversi alla Gestione separata INPS versando il contributo proporzionale del 18%.

I Video di PMI

Storie su Instagram: un formato a misura di PMI