Le differenze della discriminazione

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Discriminazione tutte le differenze esistenti, ecco quali sono.

La discriminazione porta un gruppo o una sola persona a trattare diversamente una persona semplicemente sulla base di una caratteristica che le appartiene.

Le cose inappropriate da evitare in ufficio

In generale le caratteristiche, che portano alla discriminazione sul lavoro, sono molte per le più comuni si parla dell’orientamento sessuale, la religione e l’opinione politica. Oggi è importante specificare le tipologie di discriminazione, nello specifico ne esistono due fondamentali nonché la discriminazione diretta e quella indiretta. Nel primo caso si parla della diversità di trattamento basata direttamente su un motivo illecito. In pratica una discriminazione che non utilizza via traverse ma è utilizzata chiaramente, che sia scritta o vocale. Per quanto riguarda la discriminazione indiretta, si parla al contrario della discriminazione che non si rivolge direttamente al motivo illecito, ma utilizza un criterio di scelta che è solo apparentemente neutrale per creare una discriminazione. In ogni caso e in ogni utilizzo la discriminazione è comunque dannosa, questo perché tende, anche se utilizzata in modo poco chiaro, a tenere fuori categorie di persone.

Perché un curriculum viene scartato?

Infine è importante specificare che chi è riconosciuto colpevole della discriminazione sul lavoro viene condannato a pagare una sanzione pecuniaria compresa fra i 5mila ed i 10mila euro a seconda della gravità del caso, qualsiasi sia il fattore di discriminazione al quale si fa riferimento.

Fonte: Shutterstock

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!