Valutare e selezionare i dirigenti della PA

di Teresa Barone

scritto il

La proposta del nuovo sindacato Fedirets per la concessione degli incarichi ai dirigenti pubblici.

L’accesso alla dirigenza pubblica dovrebbe essere consentito solo dopo attenta valutazione del Curriculum Vitae, del merito e dell’esperienza maturata: una proposta ma anche un punto di vista comune portato avanti dalla Fedirets, sindacato molto giovane costituito a Roma lo scorso 28 ottobre come Federazione Dirigenti e Direttivi Enti Territoriali e Sanità. 

=> Dirigenti PA, stipendi a confronto

Il sindacato propone di selezionare i dirigenti pubblici dopo una valutazione tecnico-specialistica e gestionale documentata dal CV:

«Da questo punto di vista potrebbe essere utile uniformare i modelli del curriculum per tutti i dirigenti della PA, in modo da renderli facilmente e effettivamente confrontabili.»

Competenza e professionalità devono quindi essere messe al primo posto nella determinazione degli incarichi pubblici. Altre richieste avanzate al Governo, come comunica Adnkronos, riguardano:

Stop alle riorganizzazioni continue perché creano instabilità e disorganizzazione. «Stop alle rotazioni selvagge perché producono, oltre ad instabilità, la perdita delle competenze specifiche. Maggiori garanzie per la durata degli incarichi dirigenziali e il rispetto dei contratti individuali di lavoro. Sì all’armonizzazione dei trattamenti economici delle varie dirigenze confluite nell’area funzioni locali. Largo a nuove opportunità lavorative attraverso la mobilità libera fra tutti enti territoriali. Più trasparenza per la prevenzione della corruzione.»

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!