Soru, il web e l?alternativa all?italiana

di Chiara Basciano

scritto il

Il manager di Tiscali lancia una sfida ai colossi della rete, con due progetti focalizzati sulla fornitura di servizi specifici per l?Italia del web.

Possibile tentare di sfidare a livello tecnologico gli ormai tradizionali giganti Google, Facebook e le altre multinazionali? Secondo Renato Soru – per intendersi mister Tiscali – in qualche maniera si, ed ecco che il manager mette sul piatto le sue due idee per competere “all’italiana” contro i colossi del web.

«Non trovate strano che l’immagine dell’Italia nel suo complesso su internet sia affidata a big internazionali? », si è chiesto l’ex politico, e ha deciso di giocare le sue carte. La prima si chiama Indoona, già presente sul web da qualche tempo, che adesso oltre ai servizi social e di telefonia ha aggiunto la possibilità di condividere video in live streaming, con la versione 2.2.

Ma la vera novità è rappresentata da iStella (e attenzione a non confondersi con la pronuncia, perché come ricorda Soru: «istella è semplicemente stella in sardo: portare un po’ di casa con noi è il nostro talismano») un progetto che vuole essere un motore di ricerca interamente dedicato al pubblico italiano, con documenti di testo, immagini, video, mappe e quant’altro, fornito in collaborazione con alcune autorità pubbliche e istituzioni, dal Ministero dei beni culturali alla Treccani. Il cui lancio dovrebbe avvenire nel giro di qualche settimana.

I primi commenti alla manovra si dividono tra gli entusiastici, che ne sottolineano la genialità e le prospettive di business, e i catastrofisti, che dubitano sull’opportunità di costruire reti sociali all’italiana, e si chiedono, come fa provocatoriamente un utente su Twitter, quando tutto questo sarà riprodotto, ad esempio, in chiave padana. Secondo Soru «il web è la porta dell’Italia e del suo sapere. Stiamo delegando ad altri tale porta: c’è lo spazio e il dovere di costruire un’alternativa».