Immobiliare in rialzo

di Chiara Basciano

scritto il

Si ricomincia ad investire nel mattone, ma con cautela

La nuova tassazione sulle compravendite, gli incentivi fiscali sulla ristrutturazione e la riqualificazione energetica delle abitazioni sono individuati da Tecnocasa come i tre fattor decisivi per la nuova spinta del mercato immobiliare.

=> Leggi i dati dell’OMI

L’agenzia immobiliare ha effettuato uno studio dettagliato riguardante il secondo trimestre del 2013, avanzando ipotesi per tutto il 2014. Per quest’anno ci si aspetta una contrazione dei valori compresa tra -4% e -2%, laddove, nel 2013 è stata individuata una diminuzione dei valori del 4,2% nelle grandi città, del 5% nei capoluoghi di provincia, del 4,6% nell’hinterland delle grandi città.

=> Vai alle nuove imposte sugli immobili

Secondo lo studio pesa molto sull’acquisto lo stato della casa, è alto l’interesse per l’usato in buono stato, mentre le nuove costruzioni restano in gran parte invendute, nonostante siano guardate dai giovani soprattutto per le caratteristiche di risparmio energetico.

=> Scopri il bilancio 2013

La fascia di età che investe di più è quella dei 35 e 44enni, anche se è in aumento il numero di chi compra la prima casa tra i 45 e i 54. Chi deve investire sa bene che è un buon momento, soprattutto per i tagli grandi, e per questo tende a scegliere con calma, sapendo di poter spuntare un buon prezzo. Dall’altro lato chi vende non otterrà risultati positivi se non si rende conto del fatto che occorre ribassare i prezzi a causa dalla contrazione della disponibilità di spesa.

I Video di PMI