Commissioni d’oro

di Chiara Basciano

scritto il

Le commissioni che costano di più nello studio della Bocconi

L’Università Bocconi ha recentemente calcolato il valore delle commissioni bancarie, constatando come esse superino di gran lunga quelle finanziarie.

=> Vai all’aumento delle commissioni sulla benzina

Nonostante il recente Decreto Irpef del 24 aprile – in vigore a partire dal primo luglio – preveda un incremento del prelievo sulle rendite finanziarie, passando dal 20 al 26% per azioni, fondi comuni, Etf, conti correnti, conti deposito ed altro ancora, è stato verificato che le commissioni bancarie incidano per il 43% sui rendimenti delle azioni contro il 35% del fisco.

=> Scopri la diminuizione delle filiali bancarie

Vale a dire che su 1.125 euro incassati dai titoli di Borsa in 1 anno, 487 euro sono per le banche e altri 393 euro si pagano di tasse. Lo studio indica inoltre come le commissioni bancarie siano aumentate su Bot (+2% in 18 mesi) e azioni (+5%), ma calate sui Btp (-17%).

Lo studio ha preso in esame sei istituti bancari, dichiarando che la banca che risulta più economica nella simulazione è Intesa, sia per gli investimenti in azioni (costi al 36,3% dei rendimenti, sette punti sotto la media) sia per quelli in Btp (41,8%). Unicredit è vantaggiosa sui Bot (25%) mentre è la più cara sulle azioni (49,5%) e il Monte dei Paschi appare il più costoso sia sui Btp sia sui Bot.

=> Leggi la protezione dei conti correnti

Unicredit così dichiara «Abbiamo aumentato su alcuni strumenti i costi nel 2013, ad esempio sulle azioni italiane Sono revisioni fatte periodicamente, anche se online la spesa è rimasta stabile al 2 per mille. Stiamo ragionando su servizi “all inclusive” su investimenti e su conti a pacchetto, con condizioni favorevoli anche per chi voglia operare su altri canali».

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari