Investire nelle start up

di Chiara Basciano

scritto il

Le dieci start up più di successo, grazie ad investitori audaci e lungimiranti

Tutti ne parlano ma pochi riescono a concretizzare qualcosa, eppure la realtà delle start up in sta crescendo sempre più. Nonostante in Italia non siano molti gli investimenti attuati nel settore, considerato che in Germania la cifra dedicata alle nuove imprese si aggira intorno agli 800 milioni contro gli 80 italiani, qualche buon numero riguarda alcune delle migliori start up lanciate.

=> Vai a come avviare una start up con pochi soldi

A stilare la lista è Start Up Italia, che ha individuato le cifre più alte investite nel settore. Al primo posto, con un investimento di 22 milioni di euro – cifra che si stacca notevolmente dalla altre – fatto da Catalyst Investors, c’è Decisyon, capace di semplificare i processi decisionali delle aziende, snellendo i passaggi; al secondo posto MusiXmatch, con 5 milioni di euro usciti dalle tasche di ignoti investitori, il più grande database di testi musicali.

=> Leggi manager e start up

Segue Claud4Wi, applicazioni web geo e strumenti di business su misura per il wi-fi, i cui 4 milioni di dollari utili all’avvio dell’impresa sono stati sborsati da United Ventures. Al quarto posto BeMyEye, per monitorare punti vendita sparsi sul territorio, per cui 360 Capital Partners ha investito 2 milioni di euro. Italian Angels for Growth, Zernike Meta Ventures e Atlante hanno investito 2 milioni di euro in CellPly, importante start up ideata per personalizzare la cura del cancro.

=> Scopri le 12 regole per una start up di successo

La compagnia “artista del codice” SpazioDati ha ottenuto invece 2,3 milioni di dollari da Cerved Group. H-Farm, con 1,5 milioni di euro investiti da Veneto Sviluppo punta a supportare la trasformazione delle aziende italiane in una prospettiva digitale, mentre PrivateGriffe si occupa di fashion e-commerce grazie ai 1,2 milioni di euro di Vam Investments. AppsBuilder ha ottenuto un finanziamento di 1,5 milioni da United Ventures per il lancio della piattaforma che crea le app. Infine, al decimo posto, Premium Store, con un milione di euro da Digital Magics per costruire la piattaforma degli editori italiani per la vendita di quotidiani e magazine digitali.