Il nuovo mondo del retail

di Chiara Basciano

scritto il

Quando la tecnologia entra in camerino e gli acquisti si fanno da casa.

Cambia il mondo delle vendite, la tecnologia agisce sulla trasformazione, rendendo l’esperienza di acquisto innovativa e futuristica. Se da un lato si assiste alla crescita costante dell’e-commerce, dall’altro i negozi fisici chiudono o diventano molto più piccoli, integrandosi perfettamente con i loro gemelli virtual.

=> Scopri l’e-commerce di successo

Demandware, la piattaforma più utilizzata dai grandi marchi mette in evidenza le caratteristiche di questa trasformazione, ed indica le nuove sfide per i manager. Al primo posto, per il 60% dei manager intervistati dalla piattaforma, vi è la necessità di proporre prodotti d’eccellenza, ma al secondo posto, con il 53% vi è l’importanza di garantire un servizio senza soluzione di continuità, capace cioè di integrare i diversi canali di acquisto.

=> Vai all’e-commerce manager

Il mezzo privilegiato è naturalmente lo smartphone, come sottolinea Tom Ebling, Presidente e CEO di Demandware «Lo smartphone è, oggi, il veicolo digitale che consente il passaggio da Internet allo store senza soluzione di continuità, il tutto con un semplice touch». Basti pensare che gli acquisti mobile sono passati dal 17% al 24% in un anno. Ma la rivoluzione è totale, perché anche i negozi propongono esperienze digitali in loco, come i camerini digitali del punto vendita Ralph Lauren di Manhattan, dotati di touch screen sullo specchio per farsi portare da un addetto vendita i vestiti giusti da provare.

=> Leggi gli errori dell’e-commerce

L’esperienza in e off store diventa compatta, abbattendo i costi di gestione del negozio fisico e permettendo una personalizzazione dell’acquisto. La strada intrapresa pone solo il problema della privacy ma, come sottolinea sempre Ebling «Il cliente che capisce come questo gli permetterà di migliorare l’esperienza d’acquisto non potrà non abbracciare i nuovi orizzonti del marketing personalizzato».