Innovazione nella manifattura

di Chiara Basciano

scritto il

Come la digitalizzazione entra nella manifattura, creando valore aggiunto e sviluppo.

Nonostante molta parte dell’industria italiana abbia scelto la strada dell’esternalizzazione le realtà che rimangono legate al territorio nostrano vanno in una direzione di innovazione e tecnologia. Si sente infatti parlare di Industria 4.0 come di una realtà sempre più diffusa.

=> Scopri l’Industria 4.0

Secondo i dati resi noti dall’Osservatorio Smart Manufacturing i progressi fatti dall’industria italiana sono molti. Alessandro Perego, Responsabile scientifico dell’Osservatorio Smart Manufacturing spiega «Considerando l’innovatività del paradigma, l’immaturità di alcune tecnologie e la complessità d’implementazione, oltre alla crisi economica degli ultimi anni, il quadro italiano dello Smart Manufacturing è da leggere in chiave positiva. Quasi un terzo delle imprese infatti ha già avviato tre o più progetti nelle sei aree che secondo la nostra classificazione rientrano in questo campo: Industrial Internet of Things, Industrial Analytics, Cloud Manufacturing, Advanced Automation, Advanced Human Machine Interface, e Additive Manufacturing».

=> Vai al futuro dell’industria alimentare

Sono circa 600 le applicazioni di tecnologie Smart Manufacturing in Italia, con un aumento del 30% rispetto al 2015. Le più diffuse sono le applicazioni di Industrial Analytics a supporto di produzione e logistica o della gestione della Supply Chain. Seguono le soluzioni Cloud e Industrial Internet of Things in fabbrica mentre ancora stentano le tecnologie Advanced HMI nelle attività operative.

=> Leggi il digitale in fabbrica

La maggiori difficoltà sembrano provenire dal contesto, dalla mancanza di infrastrutture, dagli impianti datati e dai limiti culturali e organizzativi. Per questo il 50% delle imprese chiede al Governo incentivi per l’ammodernamento delle reti o per nuovi sistemi informativi, il 46% per nuovi macchinari per le PMI ed il 38% per corsi di formazione.