Edilizia green per il fatturato

di Chiara Basciano

scritto il

Il campo edile appare interessato ai problemi ambientalisti, non solo per questioni etiche.

I campi di applicazione della green economy sono molteplici e di qualunque si tratti i risultati sono ottimali se messi in atto. Tra questi quello edilizio appare sempre più interessato alle problematiche ambientaliste.

=> Vai alle novità della green economy

Le opportunità sono molte, ma passano soprattutto attraverso il riciclo dei materiali. Se da un lato gli imprenditori italiani appaiono molto interessanti all’edilizia verde dall’altra i dati non sono ancora incoraggianti. Basti pensare che in Olanda, il 95%  dei rifiuti risulta riciclato, mentre in Italia il 91% finisce in discarica o negli inceneritori, secondo quanto reso noto da Eurostat.

=> Scopri gli investimenti green

Per questo Legambiente ha indicato tre priorità: cambiare i capitolati fissando obiettivi prestazionali; attuare la direttiva europea introducendo obblighi crescenti di utilizzo di aggregati riciclati; controlli e monitoraggio dei rifiuti da demolizione. In modo da migliorare la filiera e le normative. Arrivando al 70% di riciclo di materiali di recupero si genererebbero oltre 23 milioni di tonnellate di materiali che permetterebbero di chiudere almeno 100 cave di sabbia e ghiaia per un anno.

=> Leggi green economy e occupazione

Avviare un circolo virtuoso porterebbe quindi a vantaggi notevoli per gli imprenditori interessati a questo tipo di investimenti. L’Italia, dal punto di vista etico, appare più che pronta, sono gli ostacoli tecnici e materiali a dover essere scavalcati.