Dire stop al business

di Chiara Basciano

scritto il

I cinque casi in cui dire basta al proprio business.

Si può essere determinati quanto si vuole ma ci sono circostanze in cui è chiaro che la propria azienda non ha più motivo di esistere. Capirlo in tempo evita disastri finanziari e forse mette al riparo dal fallimento, ponendo quindi le basi per cambiare strada ed iniziare un nuovo viaggio.

=> Leggi come salvarsi dal fallimento

Da Millionaire arriva una lista di casi in cui è evidente che il proprio business è arrivato all’ultimo stadio ed è ora di prendere una decisione definitiva. In particolare ha individuato cinque casi specifici. Il primo è quando il prodotto o il servizio che la nostra azienda offre non è più richiesto dal mercato. Il calo delle vendite è il primo segnale, ma anche un andamento globale del mercato lo può rivelare. Il secondo caso è quando la motivazione non è più la stessa, quando andare a lavoro è un peso e ogni cosa appare difficile.

=> Scopri come trasformare il fallimento in risorsa

Il terzo caso si verifica quando i rischi sono più alti della ricompensa, portando ad uno sbilanciamento del business. Se poi, quarto caso, ci si rende conto che gli altri stanno facendo la stessa cosa, ma la stanno facendo meglio, è evidente che è arrivato il momento di chiudere i battenti, non bisogna mai accontentarsi di essere di serie B.

=> Leggi cosa fare dopo il fallimento

Infine quando la vita privata viene danneggiata da quella lavorativa. Infatti bisogna sempre mantenere in giusto equilibrio, è normale che all’avvio di un business ci si metta tutto l’impegno ciò porti a trascurare la vita privata, ma si deve trattare solo di una fase transitoria, i nostri affetti non possono diventare secondari.

Fonte immagine Shutterstock

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari