Lavoratori online? àˆ il target preferito dai pubblicitari

di Alessandra Gualtieri

scritto il

Lavorare in azienda, oggi come oggi, significa trascorrere gran parte del tempo in Rete. Con il suo patrimonio di informazioni e servizi, Internet è una sorta di secondo ufficio, che si integra alla perfezione con il proprio desk quotidiano, quello fisico, fatto di soluzioni e strumenti tecnologici per accrescere la produttività .

Inutile dire che i lavoratori business, con tale costante training, diventano dei perfetti “animali digitali“, vigili e all’erta, sempre pronti a esplorare, conoscere, indagare la Rete per cogliere informazioni, soluzioni e prodotti di proprio interesse. In primis per scopi professionali, ma chiaramente senza escludere la sfera personale.

Consapevoli di questa forte attitudine al consumo web, i lavoratori online stanno diventando, quindi, il target ideale dei pubblicitari, che sempre di più focalizzano su di loro la propria attenzione, plasmando su di loro campagne promozionali e modelli di fruizione dei contenuti proposti, affinché possano risultare di interesse per questa specifica fascia d’utenza.

A confermare questa ipotesi, è stato anche un recente studio condotto da Burst Media, di cui mi è capitato di leggere in Rete.

Secondo la ricerca, i lavoratori online sembrerebbero effettivamente essere il target primario per gli advertiser: innanzitutto, il 35,5% degli utenti web intervistati ha confermato di trascorrere su Internet un minino di tre ore al giorno. Inoltre, il 22,3% di questi ha dichiarato l’ufficio il luogo principale da cui ci si connette e naviga.

Un dato non trascurabile, se si considera il valore potenziale di queste fasce d’utenza in termini di acquisti online.

Senza contare che, a ogni modo, circa un quarto (26,6%) dell’intero tempo speso in Rete vede viene ritagliato dalle ore di lavoro. Il punto è che non tutto le ore di navigazione sul posto di lavoro hanno come scopo… il lavoro!

Secondo i dati della ricerca, l’utilizzo del web ad uso personale in ufficio ammonta al 26,2% del tempo totale. Questo perché anche i dipendenti accedono a social networks, effettuano ricerche private o acquisti in Rete.

Praticamente la metà  dei lavoratori (51,2%) ha ammesso di dedicarsi allo shopping online tra un’attività  di lavoro ed un’altra.

Cosa può significare tutto questo? Che puntare all’advertisment online è senz’altro una scelta vincente, considerate le potenzialità  di acquisto (per scopi aziendali e non) delle fasce d’utenza business…

I Video di PMI