La Ue crede nelle Pmi: analisi dell’API

di Noemi Ricci

scritto il

Analizziamo in dettaglio l'Atto sulle piccole imprese per l'Europa (API) della Commissione Ue, che valorizza il ruolo delle Pmi sulla base di dieci orientamenti e proposte di azioni politiche

La Commissione Europea ha lanciato nei giorni scorsi l’API (Atto sulle piccole imprese per l’Europa), volto a valorizzare le Pmi comunitarie in termini di crescita sostenibile nel lungo periodo. L’API si basa su dieci orientamenti e proposte di azioni politiche da attuare sia da parte della Ue che degli Stati membri.

Facciamo il punto sull’iniziativa distanza di pochi giorni dal suo avvio: l’obiettivo è fornire supporto e slancio alle Pmi più competitive, perché si possano imporre anche sui mercati mondiali.

L’API rappresenta un punto di svolta fondamentale nell’attuazione della Strategia di Lisbona in ambito di crescita e occupazione. I benefici che ne deriveranno sono: diminuzione dei ritardi nei pagamenti delle fatture, maggiore accesso ai finanziamenti, innovazione e formazione, Iva ridotta per servizi forniti localmente e migliore accesso ai contratti pubblici.

Per le Pmi comporterà inoltre l’accesso a uno statuto di società privata europea così da ridurre gli oneri burocratici del 25% entro il 2012 e accrescere la chiarezza delle operazioni.
Ancora una volta quindi la Ue si mostra disponibile a riconoscere il ruolo centrale che Pmi ricoprono nell’economia comunitaria. Si attuerebbe così per la prima volta un quadro politico globale per l’Ue e i suoi Stati membri.

Oltre ai dieci principi su cui si basa l’API, la Commissione Europea propone nuovi strumenti legislativi in quattro ambiti di particolare interesse per le Pmi:

  • nuovo Regolamento generale di esclusione per categoria relativo agli aiuti di Stato, per semplificare le procedure e ridurre i costi;
  • nuovo statuto per la creazione di una “Società privata europea” (Spe), volta ad operare in base a principi uniformi in tutti gli Stati membri.
  • nuova proposta in materia di Iva che offrirà agli Stati membri l’opzione di applicare aliquote ridotte per servizi erogati da piccole e medie imprese;
  • modifica – prevista per il 2009 – alla direttiva sui servizi di pagamento per garantire il pagamento delle Pmi entro il previsto termine di 30 giorni.

L’API, infine, ha tra i suoi obiettivi quello di stimolare l’impreditorialità giovanile, grazie al programma “Erasmus per i giovani imprenditori”, che consente ai giovani che vogliono avviare un’impresa di trascorrere un periodo di tempo presso una Pmi estera. Si otterrà così il duplice effetto di formazione e creazione di reti tra le Pmi in Europa.