Microimprese, sì all’autocertificazione per la valutazione rischi

di Noemi Ricci

scritto il

Dal 15 maggio entrerà in vigore il testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, le microimprese potranno autocertificare la valutazione dei rischi senza produrre altri documenti

Entrerà in vigore il 15 di questo mese il testo unico sulla sicurezza sul lavoro (decreto legislativo n.81 del 9 aprile 2008), a seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale avvenuta in concomitanza con la festa dei Lavoratori.

La nuova normativa che stabilisce obblighi e sanzioni per chi non rispetta le indicazioni prescritte, dispone anche che i datori di lavoro osservino regole rigide e dettagliate nel verificare i pericoli legati all’attività produttiva e nel predisporre le adeguate misure di prevenzione.

La valutazione dei rischi aziendali diverrà operativa a partire dal 29 luglio 2008 , data entro cui i rischi e i dispositivi di sicurezza adottati nell’organizzazione dovranno essere documentati, pena le sanzioni dettate dalla nuova disciplina.

Tuttavia, secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo numero 81 del 2008, per le piccole aziende non vige l’obbligo di predisporre il documento della sicurezza, dal momento che è possibile optare per l’autocertificazione.

In particolare, il comma 5 dell’articolo 29 del Decreto Legislativo prevede che, nelle imprese con un numero di dipendenti fino a dieci, il datore di lavoro possa effettuare la valutazione dei rischi basandosi su procedure standardizzate.

Il decreto che definisce tali procedure deve essere ancora emanato, poi i datori di lavoro avranno tempo per autocertificare l’avvenuta valutazione dei rischi entro 18 mesi dal momento in cui il decreto entrerà in vigore e, comunque, non oltre il 30 Giugno 2012.