Tratto dallo speciale:

Beni ai soci, agevolazione bis nel 2017

di Barbara Weisz

scritto il

Proroga al 30 settembre 2017 per il trasferimento agevolato dei beni ai soci ed esclusione immobili strumentali dell'imprenditore individuale: la misura in Legge di Stabilità.

Proroga per il trasferimento agevolato dei beni ai soci nella Legge di Stabilità, con chiusura dei termini al 30 settembre 2017: il beneficio fiscale era scaduto il 30 settembre 2016 con la speranza di una proroga a fine anno, che a questo punto diventa continuativa fino alla chiusura dei termini il prossimo anno. Il provvedimento è contenuto nell’articolo 75 della manovra, in base al quale:

“le disposizioni dell’articolo 1, commi da 115 a 120, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, si applicano anche alle assegnazioni, trasformazioni e cessioni poste in essere successivamente al 30 settembre 2016 ed entro il 30 settembre 2017”.

=> Beni ai soci, la guida delle Entrate

L’agevolazione prevede: imposta sostitutiva dell’8%, che sale al (10,5% per le società non operative) da applicare sulla differenza fra valore normale dei beni e costo fiscalmente riconosciuto; dimezzamento dell’imposta proporzionale di registro; applicazione in misura fissa di imposte ipotecarie e catastali.

Proroga anche per l’esclusione dei beni immobili strumentali posseduti al 31 ottobre 2016 (imposta sostitutiva all’8%), da parte dell’imprenditore individuale, che potrà essere eseguita dal primo gennaio al 31 maggio 2017. I versamenti vanno effettuati nei seguenti termini: prima rata (il 60%) entro il 30 novembre 2017 e il resto entro il 16 giugno 2018.

Il Governo va così incontro a una richiesta arrivata dal mondo delle professioni, consentendo, come spiegato dal vicesegretario all’Economia, Luigi Casero:

«di assegnare i beni ai soci e far chiudere, attraverso una procedura facilitata, tutta una serie di società nate nel passato solitamente allo scopo unico di mantenere i beni immobiliari detenuti».
La misura nel 2016 è «andata abbastanza bene», ma ci sono stati una serie di ritardi nei provvedimenti applicativi dell’Agenzia delle Entrate, motivo per cui è stata concessa la proroga 2017. 

Legge di Stabilità 2017