Tratto dallo speciale:

Lavoro e Fisco: prime Riforme Renzi entro maggio

di Barbara Weisz

scritto il

Da subito Legge Elettorale e da marzo le riforme su Lavoro, PA e Fisco: l'Agenda di Matteo Renzi, premier incaricato di formare il nuovo Governo.

Matteo Renzi è il nuovo Presidente del Consiglio, incaricato da Napolitano di formare il nuovo Governo. E’ dunque tempo di mettere a punto la nuova squadra di Ministri e presentarsi alle Camere con un programma dettagliato. La fiducia in Senato è prevista il 21 febbraio, la presentazione Camera del Piano al 2018 il giorno dopo (obiettivo dichiarato, formare un governo di legislatura): analizziamo i punti fermi del programma Renzi, che alla prima dichiarazione pubblica ha ribadito l’intenzione di partire dalla «emergenza più importante», il lavoro.

Riforme Renzi

«L’impegno che ci siamo prefissi è molto serio» ha dichiarato il premier uscendo dal colloquio al Quirinale e promettendo «una straordinaria attenzione sui contenuti e sulle cose da fare». Il calendario prevede subito riforme economiche e istituzionali:

  • Legge Elettorale: entro febbraio
  • Riforme Lavoro:  a marzo
  • Riforme PA ad aprile
  • Riforme Fiscali: entro maggio.

LAVORO. Il piano Jobs Act prevede un contratto di lavoro a tempo indeterminato con tutele crescenti (senza il reintegro previsto dall’Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori in caso di licenziamento illegittimo) e reddito minimo per i disoccupati (ammortizzatori sociali universali, anche per chi perde il lavoro in una PMI, spesso non coperti da tutele).

Jobs Act => leggi i punti del Piano

TASSE. Sul fronte fiscale, oltre al taglio IRAP di 10 punti previsto dal Jobs Act si attende un piano di tagli alle aliquote IRPEF (magari alle prime due, 23 e 27%).

IMPRESA. Riduzione del 10% del costo dell’energia per le PMI; piani industriali per settori economici: cultura, turismo, agricoltura e alimentare, Made in Italy (moda, design, artigianato), ICT, Green Economy, Edilizia, Manifattura.

PA. Semplificazioni, più efficienza nelle strutture pubbliche, trasparenza, nuovo Welfare.

I Video di PMI

Italia fuori dall’Euro: le ragioni del sì e del no