Tratto dallo speciale:

Legge di Stabilità 2016: le modifiche del Senato

di Barbara Weisz

scritto il

Maxiemendamento del Governo e fiducia in Senato sulla Legge di Stabilità 2016, ecco le modifiche: TASI-IMU, soglia contanti, canone RAI.

La Legge di Stabilità 2016 è stata modificata in commissione al Senato in diversi punti, a partire dal capitolo TASI-IMU, e si avvia ora alla Camera (dopo il passaggio in aula a Palazzo Madama), dove si prepara un nuovo dibattito. A Palazzo Madama, come previsto, il Governo ha posto la questione di fiducia su un maxiemendamento che sostituisce il testo del Ddl originario, e recepisce tutte le modifiche apportate in commissione. Vediamole.

=> Vai allo speciale Legge di Stabilità 2016

TASI-IMU

Come noto, la manovra prevede fin dall’inizio l’abolizione della TASI sulla prima casa (non di lusso) e dell’IMU su terreni agricoli e imbullonati, i macchinari fissi al suolo delle imprese. In Senato è stata estesa l’esenzione alle abitazioni date in comodato ai parenti di primo grado e all’immobile assegnato al coniuge come abitazione principale in caso di separazione, divorzio o annullamento del matrimonio. Per quanto riguarda le case in uso a figli e coniuge, ecco i paletti: l’immobile va utilizzato come abitazione principale, il comodante non deve avere un altro immobile ad uso abitativo di proprietà in Italia, il contratto deve essere registrato. L’imposta viene eliminata anche se la casa è in comodato d’uso a parenti di secondo grado portatori di handicap, per immobili cooperative edilizie a proprietà indivisa, alloggi sociali, immobili posseduti dal personale delle forze armate. Quando l’immobile della cooperativa edilizia è destinato a studenti universitari soci, non è necessaria la residenza.

=> Abolizione TASI seconda casa in uso ai figli: correttivi Stabilità

C’è anche una novità che riguarda le delibere dei Comuni ritardatari, ovvero che hanno deciso le nuove aliquote 2015 dopo il 31 luglio, con una proroga al 30 settembre: qui il discorso è complicato, perché la manovra entrerà comunque in vigore a partire da gennaio 2016, e di conseguenza la modifica dei termini per le delibere non sarà valida per il saldo di dicembre. Diverse le ipotesi: il governo potrebbe inserire la novità in un altro provvedimento, di immediata applicazione (ad esempio, un decreto legge), mentre nel caso in cui la norma restasse in manovra non si esclude una possibile mini TASI a gennaio, da parte dei Comuni ritardatari, per recuperare la differenza con la nuova aliquota.

=> Rischio mini TASI 2016 nei Comuni in ritardo

Per quanto riguarda l’IMU, l’aliquota stabilita dai comuni per le seconde case è ridotta di un quarto nel caso in cui siano affittate a canone concordato. Fra le altre novità sugli immobili, una stretta per i proprietari che fanno pagare quote in nero: gli eventuali accordi in questo senso sono nulli, ed entro sei mesi dalla riconsegna è possibile farsi ripagare le somme in più.

Soglia contanti

La legge di Stabilità porta il tetto all’uso del contante a 3mila euro, ma resta il limite di mille euro limitatamente all’attività di money transfer.

Canone RAI

La Legge di Stabilità 2016 prevedeva già nella formulazione originaria il pagamento del canone RAI in bolletta, le modifiche in Senato hanno stabilito che il versamento avverrà in dieci rate, con la prima a partire dal luglio 2016 (solo per quest’anno, dal 2017 si inizia a gennaio). Sale a 8mila euro (dai 6mila 700), la soglia di esenzione per gli ultra 75enni.

=> Emendamenti Stabilità 2016: canone RAI in dieci rate

Bonus Mobili

Il tetto di spesa del bonus Mobili per le giovani coppie che acquistano casa (detrazione IRPEF al 50%), introdotto dalla manovra, viene raddoppiato a 16mila euro (dagli 8mila previsti dal Ddl del Governo).

=> Bonus Mobili giovani coppie a 16mila euro

sulla Legge di Stabilità in Senato

I Video di PMI