Certificazione Unica entro marzo senza proroga

di Redazione PMI.it

scritto il

Nessuna ulteriore proroga per la trasmissione al Fisco e ai lavoratori del Modello CU 2020, con la Certificazione Unica di redditi e ritenute: scadenza il 31 marzo 2020.

Le FAQ del Ministero dell’Economia e Finanze confermano la scadenza al 31 marzo sia per la comunicazione degli oneri detraibili da inserire nel 730 Precompilato sia per la trasmissione al Fisco e ai lavoratori della Certificazione Unica 2020.

Le scadenze ordinarie per la comunicazione degli oneri detraibili per il 730 precompilato (28 febbraio) e per le Certificazioni Uniche (7 marzo) erano già state prorogate al 31 marzo 2020 dal DL 9/2020 e quest’ultima scadenza è stata confermata dal DL 18/2020.

Le risposte alle domande più frequenti fornite dal MEF riguardano le disposizioni contenute nel Decreto 18/2020 (Cura Italia).

La Certificazione Unica (modello CU 2020) viene rilasciata dal sostituto d’imposta attestando i redditi di lavoro autonomo, dipendente, assimilato o da pensione. Viene rilasciato a lavoratori o pensionati per certificare le somme erogate e le relative ritenute effettuate e versate allo Stato.

Il modello CU 2020 è disponibile da gennaio, completo di istruzioni di compilazione. L’obbligo di comunicazione può essere assolto anche in via telematica. Per la ritardata od omessa trasmissione della CA sono previste sanzioni salate.

Di norma, il modello ordinario viene inoltrato all’Amministrazione finanziaria entro il 7 marzo ma quest’anno, a causa dell’emergenza Coronavirus, è stata disposta la proroga di questo adempimento al 31 marzo, stessa data entro cui è prevista la consegna del modello sintetico di CU al contribuente.

I Video di PMI

Sanzioni per omessa Certificazione Unica