Il dato sanitario: linee guida e normativa

di Alessia Valentini

scritto il

La gestione dei dati sanitari ha da sempre una grande importanza sia per il carattere riservato del dato sia per la necessità di rendere le informazioni prontamente disponibili fra diverse strutture sanitarie

Il Garante della Privacy ha voluto regolamentare le informazioni sanitarie specificando le garanzie, responsabilità e diritti sulla condivisione, gestione e trattamento delle informazioni sanitarie da parte di distinti titolari (strutture mediche), ed ha emesso a luglio 2009 le “Linee guida in tema di Fascicolo sanitario elettronico (Fse) e di dossier sanitario” e nel 19 novembre 2009 le “Linee guida in tema di referti online”.

Il primo documento è diviso in due parti: la definizione del profilo generale e l’ambito di applicazione, e le “garanzie a tutela dell’interessato” che riguardano:

  • diritto alla costituzione di un Fascicolo sanitario elettronico e di un dossier sanitario;
  • individuazione dei soggetti che possono trattare i dati;
  • accesso ai dati personali contenuti nel Fascicolo sanitario elettronico e nel dossier sanitario;
  • diritti dell’interessato sui propri dati personali (art. 7 del Codice);
  • limiti alla diffusione e al trasferimento all’estero dei dati;
  • informativa e consensi;
  • comunicazione al Garante;
  • misure di sicurezza.

In sintesi, gli elementi fondamentali vertono sulla libertà del paziente di:

  • far costituire o meno un fascicolo sanitario elettronico, con tutte o solo alcune delle informazioni sanitarie che lo riguardano; anche se il paziente non dovesse aderire ha comunque diritto alle prestazioni del SSN;
  • manifestare un consenso autonomo e specifico, distinto da quello che si presta a fini di cura della salute; il paziente deve essere informato in modo chiaro, con un linguaggio dettagliato e comprensibile su chi ha accesso ai suoi dati e che tipo di operazioni può effettuare;
  • possibilità di “oscurare” la visibilità di alcuni eventi clinici.

Il secondo documento inerente i referti online riguarda:

  • Ambito di applicazione delle linee guida
  • Facoltatività del servizio di refertazione online
  • Informativa e consenso
  • Archivio dei referti
  • Comunicazione dei dati all’interessato
  • Misure di sicurezza e tempi di conservazione dei dati

Anche per questo documento si osservano le medesime garanzie del precedente in tema di scelte del paziente, con in più le indicazioni di durata e di sicurezza per la conservazione dei dati.

I Video di PMI

Legge di Bilancio: l’iter istituzionale