Direttive legislative per la realizzazione di siti istituzionali

di Enza La Frazia

scritto il

Attraverso profili critici, un'analisi delle direttive legislative applicate per la realizzazione di siti Web istituzionali. Parola d'ordine: accessibilità

Il diritto all’uso delle tecnologie e l’accessibilità

Il Codice dell’Amministrazione Digitale (d. lgs. 7 marzo 2005 n.82) ha introdotto nell’ordinamento italiano un nuovo diritto soggettivo, il diritto all’uso delle tecnologie: l’art. 3 del decreto, infatti, sancisce che «i cittadini e le imprese hanno diritto a richiedere ed ottenere l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nei rapporti con le pubbliche amministrazioni centrali e con i gestori di pubblici servizi statali nei limiti di quanto previsto nel presente decreto».
In applicazione della precedente norma, fra gli altri, gli articoli 53 e seguenti del Codice si propongono di fornire delle basilari e schematiche linee guida per la realizzazione dei siti internet istituzionali. La parola d’ordine nel campo dello sviluppo di servizi telematici è senza dubbio l’accessibilità.

La Legge Stanca

La questione era già stata affrontata dalla precedente legge del 9 gennaio 2004, n. 4 (c.d. legge Stanca), contenente una serie di disposizioni legislative volte a favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici. Tale provvedimento legislativo definisce l’accessibilità all’art. 2, come «capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari».

All’epoca della sua promulgazione, la legge Stanca fu accolta con grande entusiasmo, tanto da essere indicata, nell’ambito di un vertice tra Europa e Stati Uniti sulla disabilità, come “un esempio da seguire”. Le disposizioni contenute nel provvedimento riscossero in effetti un largo consenso in Parlamento e nelle istituzioni, per aver allargato la prospettiva della diffusione dell’informatica anche a coloro che, soffrendo di disabilità motorie o sensoriali, fossero svantaggiati nel regolare utilizzo delle risorse informatiche, ed in particolar modo di Internet. L’obiettivo che la legge si pone è quello di abbattere le “barriere virtuali” che limitano l’accesso dei disabili alla società dell’informazione e li escludono dal mondo del lavoro, quindi di realizzare l’e-democracy, permettendo anche a soggetti portatori di handicap di studiare, lavorare e partecipare attivamente alla vita sociale, di cui le Information and Commmunication Technologies sono diventate parte integrante.

I Video di PMI

ISEE, i modelli caso per caso