TASI meno costosa dell’IMU: tasse a confronto

di Noemi Ricci

scritto il

Gettito IMU 2012 e quello atteso per TASI/IMU 2014: i dati messi a confronto dal Dipartimento delle FInanze.

TASI

In risposta alle numerose tesi che parlano della TASI come un salasso di proporzioni ben maggiori a quelle dell’IMU, il Dipartimento delle Finanze ha effettuato un’analisi che confronta le due tasse sugli immobili. Il risultato emerso è che la TASI sarà meno costosa dell’IMU.

=> Stangata TASI: nuova IMU senza detrazioni

L’indagine ha preso i esame il gettito totale IMU-TASI 2014 nei 2.178 Comuni (su 8.000) che hanno deliberato l’aliquota TASI 2014 proiettato su base annua, confrontandoli con quello relativo all’IMU 2012, quando si pagava anche l’IMU sull’abitazione principale e non erano ancora in vigore le esenzioni previste dai decreti legge n. 102/2013 e n. 133/2013 per le abitazioni principali, i terreni e altre categorie di immobili. Il MEF ha tenuto conto delle varie categorie di immobile, effettuando i calcoli in maniera distinta per ciascuna di esse.

=> Calcolo IMU-TASI: online le FAQ del Ministero

Abitazioni principali

Il gettito relativo alle prime abitazioni subirà nel passaggio alla TASI/IMU un calo del -29,3% rispetto all’IMU: nel 2014 sono attesi circa 1,2 miliardi di euro, contro i circa 1,6 miliardi dell’IMU 2012. Un risultato che sarebbe frutto della diminuzione del numero di contribuenti per l’abitazione principale per effetto delle esenzioni per l’abitazione principale stabilite dalle delibere dei Comuni. Per la fascia di importo sotto 50 euro e per quelle superiori a 150 euro è atteso per la TASI/IMU 2014 un importo teorico più basso rispetto all’IMU 2012, mentre per le fasce comprese nell’importo tra 50 e 150 euro è previsto un piccolo incremento sia del numero di contribuenti che degli importi teorici.

Immobili diversi dall’abitazione principale

Per quanto riguarda gli immobili diversi dalla prima casa, si attende un incremento contenuto del gettito: circa il +0,15% pari a +11 milioni di euro. In totale ci si aspetta un gettito complessivo di IMU/TASI 2014 pari a circa 7 miliardi di euro, quasi uguale all’IMU versata nel 2012. A crescere in maniera sostanziale sono le quote versate dalle fasce di importi inferiori a 200 euro, mentre risultano ridotte e classi di importi superiori a 200 euro.

Terreni

Per quanto riguarda i versamenti IMU-TASI su terreni si riducono di -234.801 unità i contribuenti chiamati a versare il tributo per effetto del D.L. n. 16/2014 che a partire dal 2014 esonera i proprietari di terreni agricoli dal pagare la TASI e impone loro il versamento dell’IMU con le modalità previste dal D.L. n. 201/2011. Il tutto, unito alla riduzione della base imponibile disposta con la legge di Stabilità 2014 per i terreni posseduti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali (soggetti IAP), causerà un calo del gettito pari a circa -40 milioni di euro (-15,9%) distribuito in maniera uniforme su tutte le fasce di importo.

=> TASI e IMU 2014 terreni agricoli e fabbricati rurali

Aree fabbricabili

In calo del -10,37% il gettito derivante dalle “aree fabbricabili” pari a circa -60 milioni di euro e una riduzione del numero di contribuenti di circa -60.000 unità.

Fabbricati rurali

Dal 2014 i fabbricati rurali strumentali sono esenti dall’IMU per effetto della Legge di Stabilità 2014 ma non dalla TASI, per la quale è però prevista un’aliquota non superiore all’1 per mille. Tutto questo fa sì che si preveda un importo per l’IMU sui fabbricati rurali relativo al 2014 pari al -1,5%.

=> TASI al rush finale: metà Comuni senza delibera

Distribuzione IMU-TASI

Al di là delle stime del Dipartimento delle Finanze, il problema della TASI non riguarda tanto l’entità del gettito, quanto la ripartizione del peso della tassa sulle famiglie italiane perché, sottolinea Codacons:

«Per effetto delle minori detrazioni, chi possiede un’abitazione con rendita catastale modesta si troverà a pagare di più rispetto all’IMU, mentre chi è proprietario di un immobile di prestigio sarà avvantaggiato dalla TASI rispetto alla vecchia imposta, motivo per cui il gettito potrebbe addirittura essere inferiore rispetto all’IMU 2012. Si tratta di una evidente disparità sociale, una ingiustizia che si aggiunge alle tante che hanno caratterizzato la TASI fin dalla sua nascita, con pagamenti diversificati sul territorio e scadenze variabili a seconda degli umori delle Amministrazioni Comunali».