Minimi: come recuperare le ritenute d’acconto

di Francesca Vinciarelli

scritto il

L'Agenzia delle Entrate spiega come scorporare nel Modello UNICO 2013 le ritenute d’acconto erroneamente applicate ai contribuenti che rientrano nel nuovo Regime dei Minimi.

Chiarimenti per i contribuenti minimi dall’Agenzia delle Entrate (con la risoluzione n. 55/E del 5 agosto 2013), che risponde ai quesiti dei contribuenti in merito alla risoluzione 47/E e a come usare UNICO 2013 per recuperare le ritenute d’acconto erroneamente applicate sui compensi percepiti dai soggetti che rientrano nel nuovo Regime dei Minimi (articolo 27, commi 1 e 2, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 – c.d. Decreto Salva Italia – convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111). Nel modello UNICO PF 2013 possono essere infatti riportati questi importi, purché le ritenute siano state regolarmente certificate dal sostituto d’imposta: leggi come scorporare le ritenute dei contribuenti minimi

Ritenute

  • compensi erogati nei primi mesi di applicazione del nuovo Regime dei minimi;
  • compensi erogati nel 2012, in relazione a fatture emesse negli anni precedenti, con applicazione della ritenuta prevista dal previgente Regime dei minimi;
  • indennità di maternità corrisposte dalle casse di previdenza e dall’INPS.

Modello UNICO PF 2013

Nel modello UNICO PF 2013 (vai alle istruzioni per i Minimi) tali ritenute possono essere scomputate riportando il codice 1 nel campo “Situazioni particolari” del frontespizio della dichiarazione, mentre le ritenute complessivamente subite sui ricavi e compensi del Regime in questione dovranno essere indicate nel rigo RS33, colonna 2, utilizzando esclusivamente il primo modulo del quadro RS, senza compilare la colonna 1.  Per maggiori informazioni consulta la risoluzione n. 55 del 05/08/13

I Video di PMI

Regime forfettario: guida ai requisiti