Tratto dallo speciale:

Pagamenti, imprese più puntuali

di Barbara Weisz

scritto il

Pagamenti imprese con ritardi in calo, saldo fatture alla scadenza in aumento e PMI tra le più puntuali: analisi territoriale e per settore nel Report Cribis D&B 2016.

I pagamenti tra imprese italiane registrano maggiore puntualità rispetto al 2015, anche se i livelli pre-crisi restano lontani: secondo Cribis D&B, i ritardi gravi nel 2Q 2016 sono il 13,1%, in calo rispetto al 14,4%. Il numero di aziende che pagano alla scadenza è pari al 35,4%, mentre il 51,5% effettua il saldo fatture con un mese di ritardo. Il confronto con il 2010 vede i ritardi oltre il mese in aumento del 138,2%, mentre quelli alla scadenza diminuiti del 5,6%.

=> Insolvenze commerciali: SOS recupero crediti

Lo studio rileva come le piccole imprese siano più puntuali nei pagamenti delle grandi, ma abbiano anche più spesso difficoltà nell’onorare le scadenze.

Le micro realtà pagano puntualmente nel 36,5% dei casi, mentre il 14,5% paga con ritardi oltre il mese. Situazione opposta per le grandi realtà, virtuose solo nel 14% dei casi, ma con percentuali più basse, al 6,3%, di ritardi oltre il mese.

A livello territoriale le imprese del Nord Est sono le più puntuali: il 44,2% paga alla scadenza mentre i ritardi gravi sono solo il 7,6%. Situazione opposta per Sud e Isole, dove solo il 22,4% è virtuoso e ben il 22,2% fatica a saldare i debiti. Bene anche il Nord Ovest (41,3% di pagamenti alla scadenza, 8,8% oltre il mese di ritardo), situazione intermedia per il Centro Italia (31,2% di imprese puntuali, 15,8% i cattivi pagatori).

Fra le singole regioni invece è il Veneto ad aggiudicarsi il primo posto in fatto di puntualità con il 45,3% di imprese virtuose, seguito da Emilia Romagna (45,2%) e Lombardia (45,1%). In fondo alla classifica, Sicilia con solo il 19,1% di pagamenti regolari contro un 23,9% di gravi ritardi,  Calabria (20,4%) e Campania (20,8%). La provincia più puntuale d’Italia è Sondrio, seguita da Bergamo, Lecco, Brescia, Treviso, Belluno, Trento, Vicenza, Mantova e Cremona, la più ritardataria è Trapani, seguita da Agrigento ed Enna.

=> Pagamenti imprese, ritardi in netto calo

Per quanto riguarda l’analisi per settori, continua la crisi del commercio al dettaglio (solo il 25,6% è puntuale, mentre il 21,2% fatica a saldare i debiti). Situazione opposta per i servizi finanziari, puntuali nel 45,8% dei casi, a fronte di ritardi gravi pari al 9,5%.

«Il calo dei ritardi gravi nei pagamenti è un ottimo segnale per le imprese e lascia spazio a un cauto ottimismo per il futuro» (Marco Preti, A.d. Cribis D&B).