Fisco locale: mappa delle città più tartassate

di Teresa Barone

scritto il

La “Mappa del Fisco locale” stilata dal Centro studi di Unimpresa: ecco dove risiedono le imprese e i cittadini più tartassati.

Tra IMU, IRAP, IRPEF e TASI, i cittadini e le imprese italiane vedono sparire gran parte delle loro entrate: ma quali sono le città più tartassate dal Fisco? A fornire la mappa nazionale è un’indagine  realizzata dal Centro studi di Unimpresa sulla base dei dati provenienti dall’Agenzia delle Entrate, dalla Corte dei Conti e dal Dipartimento Finanze.

=> Tasse imprese, 2016 da record per il Fisco

Fisco locale

Secondo la “Mappa del Fisco locale”, sono sette le città caratterizzate dalle le aliquote fiscali più alte che gravano sia sulle imprese sia sulle famiglie: Roma (d0ve si paga il 4,82% di IRAP, il 4,23% di addizionali IRPEF, l’1,06% di IMU), Torino (4,13% di addizionali IRPEF, 1,06% di IMU e 0,33% di TASI), Napoli (4,97% di IRAP, l’1,06% di IMU e lo 0,33% di TASI), Genova e Bologna (3,13% di addizionali IRPEF, 1,06% di IMU e 0,33% di TASI), Ancona (4,73% di IRAP, 1,06% di IMU e 0,33% di TASI) e Campobasso (4,97% di IRAP, 3,43% di addizionali IRPEF, 1,06% di IMU).

Venezia isola felice

A Venezia il prelievo fiscale è inferiore alle soglie più alte: 3,90% di IRAP, il 2,03% di addizionali IRPEF, 0,81% di IMU e lo 0,29% di TASI.

«Ci sono troppe differenze a livello territoriale – afferma  il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi – per quanto riguarda il prelievo fiscale e si tratta di differenze che non aiutano la ripresa così come gli investimenti delle imprese. Serve un ragionamento complessivo, che il governo dovrà fare quando, auspichiamo al più presto, vorrà lavorare a una serie riforma tributaria che deve essere organica.»

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali