Tratto dallo speciale:

Aggio Equitalia, chiarimenti sul taglio 2016

di Barbara Weisz

scritto il

Niente riduzione al 4% per l'aggio Equitalia: abrogata la legge sostituita dalla riforma della riscossione, che istituisce un nuovo meccanismo dal 3 al 6% da gennaio 2016.

Il Governo interviene sui costi della riscossione eliminando la norma che prevedeva una riduzione dell’aggio Equitalia, superata dal nuovo meccanismo di calcolo spese in cartella esattoriale: il Consiglio dei Ministri del 23 novembre ha infatti approvato, in sede di esame preliminare, un provvedimento che modifica o abroga diverse norme mai entrate in vigore per mancanza di provvedimenti attuativi.

=> Equitalia: spese meno care dal 2016

Taglio 2012

Fra queste anche l’articolo 5 del Dl 95/2012, che disponeva il taglio dell’aggio Equitalia fino a un massimo di 4 punti percentuali dopo quello di un punto nel 2013. In base alla norma, sarebbe sceso al 4%. In realtà, questa modifica è stata superata da un’altra norma, il Dlgs 159/2015, che ha razionalizzato la riscossione cambiando fra le altre cose il meccanismo attraverso il quale vengono stabiliti i relativi costi.

=> Riscossione tributi: regole e novità

Aggio 2016

L’aggio Equitalia dal primo gennaio 2016 sarà infatti sostituito da minori oneri di riscossione commisurati ai costi per il funzionamento del servizio: pagando la cartella esattoriale entro 60 giorni dalla notifica, l’onere di riscossione sarà pari al 3% dell’importo della cartella, percentuale che salirà al 6% nel caso di pagamento oltre i 60 giorni.

Attenzione: questa nuova norma riguarda esclusivamente le cartelle che vengono notificate nel 2016; per le somme iscritte e ruolo consegnate nel 2015 si continuerà a pagare il 4,65% oppure l’8%, rispettivamente per i pagamenti che avvengono entro oppure oltre i 60 giorni.

I Video di PMI

Cartella esattoriale nulla: regole e sentenze