Tratto dallo speciale:

Modello 770 in scadenza: istruzioni 2015

di Francesca Vinciarelli

scritto il

In scadenza la presentazione del modello 770 da parte dei sostituti d'imposta: chi deve presentare la dichiarazione e come farlo.

Si avvicina la scadenza 2015 per il modello 770: i sostituti d’imposta hanno tempo fino al 31 luglio per trasmettere il modello ordinario o quello semplificato, o entrambi, a seconda dei dati da comunicare all’Amministrazione finanziaria. L’adempimento riguarda i sostituti d’imposta, comprese le amministrazioni statali, che hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte: in base ai dati da comunicare, va inviato telematicamente all’Agenzia delle Entrate il modello 770 ordinario, quello semplificato o entrambi.

=> Modelli 770 ordinario e semplificato: tutte le istruzioni

Modello 770 semplificato

Va inviato il modello semplificato per comunicare i dati fiscali dei contribuenti, relativi alle ritenute operate nell’anno solare precedente. La dichiarazione deve contenere i dati relativi a:

  • certificazioni rilasciate ai contribuenti (redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati);
  • indennità di fine rapporto;
  • redditi di lavoro autonomo;
  • prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione e alle provvigioni.

Modello 770 ordinario

Il 770 ordinario deve essere utilizzato per comunicare i dati relativi alle trattenute operate sui dividendi, sui proventi di partecipazione, sui redditi di capitale, sulle operazioni di natura finanziaria e sulle indennità di esproprio. Nel modello vanno indicati anche i dati sui versamenti effettuati, le compensazioni operate e i crediti di imposta utilizzati.

Invio telematico

I modelli vanno inviati per via telematica tramite un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, CAF) o direttamente utilizzando:

=> Scarica i Modelli 770/2015 ordinario, semplificato e le istruzioni

Contribuenti che presentano il modello 770

  • società di capitali;
  • enti commerciali equiparati;
  • enti non commerciali;
  • associazioni non riconosciute, consorzi, aziende speciali;
  • società ed enti non residenti nel territorio dello Stato;
  • trust;
  • condomini;
  • società di persone;
  • società di fatto o irregolari;
  • società o associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni;
  • aziende coniugali;
  • gruppi europei d’interesse economico (GEIE);
  • persone fisiche che esercitano imprese commerciali o imprese agricole;
  • persone fisiche che esercitano arti e professioni;
  • amministrazioni dello Stato;
  • curatori fallimentari, commissari liquidatori, eredi che non proseguono l’attività del sostituto d’imposta deceduto.

=> Dichiarazioni 2015: calendario scadenze

Ricevuta di ricezione della dichiarazione

Ricordiamo che la dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell’Agenzia delle Entrate, comprovata dalla comunicazione di ricezione del modello 770/2015 rilasciata per via telematica dall’Agenzia stessa.

=> Dichiarazione dei redditi online: ricevuta obbligatoria

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito