Tratto dallo speciale:

Fondo perduto per attività chiuse, contributi in scadenza

di Redazione PMI.it

scritto il

Entro il 21 dicembre, discoteche e altre imprese chiuse per Covid possono chiedere il contributo a fondo perduto del Sostegni bis: istruzioni online.

Per il contributo a fondo perduto riservato alle discoteche e alle altre imprese che hanno dovuto sospendere l’attività (per almeno 100 giorni fra il primo gennaio e il 25 luglio 2021), il ristoro previsto dal decreto Sostegni bis va richiesto entro il 21 dicembre.

Beneficiari del Cfp discoteche

L’Agenzia delle Entrate ha predisposto moduli e procedure, indicate nel provvedimento del 29 novembre 2021 in attuazione dell’articolo 2 del decreto 73/2021, su cui è intervenuto poi il DM Sviluppo Economico del 9 settembre scorso, che ha fissato criteri precisi e individuato le attività aventi diritto. Spetta alle discoteche, e ad altre attività economiche, elencate nell’allegato al decreto sopra citato (cinema, teatri, musei, convegni, palestre) che, per effetto delle misure anti Covid, sono rimaste chiuse per almeno cento giorni nel primo semestre 2021. Il ristoro può arrivare a 25mila euro, a cui si aggiunge una somma che va dai 3mila ai 12mila euro, a seconda dei ricavi.

Contributo attività chiuse: la domanda

La domanda si presenta online, utilizzando l’apposito modello approvato dalle Entrate, che mette a disposizione anche un software gratuito. Può essere trasmessa direttamente dal richiedente, oppure tramite intermediario. Bisogna inviarla entro il 21 dicembre 2021 (stessa scadenza per presentare una eventuale nuova domanda per correggere precedenti errori). Il Fisco effettua controlli successivi, dopo la chiusura dei termini di presentazione.

Importi del ristoro

Le risorse vengono divise fino a un massimo di 25mila euro per ciascun richiedente, le eventuali rimanenze sono poi distribuite in base al fatturato, nel seguente modo.

  • Attività con ricavi e compensi fino a 400mila euro: contributo di 3mila euro;
  • Attività con ricavi fra 400mila e 1 milione di euro: 7mila 500 euro;
  • Attività con ricavi sopra il milione di euro: 12mila euro.

Se quest’ultima riparto non è possibile perché le risorse non bastano, viene previsto un minimo di 3mila euro per ciascun beneficiario, e si aggiunge poi una somma alle imprese che avrebbero diritto a un contributo superiore, rapportato alle risorse ancora disponibili. Il contributo viene versato direttamente sul conto corrente (bisogna indicare l’IBAN nell’istanza). Nell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi viene inviata apposita comunicazione nella sezione dedicata ai contributi a fondo perduto.