Tratto dallo speciale:

Fatturazione elettronica: chiarimenti dal Fisco

di Barbara Weisz

scritto il

L'Agenzia delle Entrate risponde ai dubbi degli esperti sulla fatturazione elettronica: numerazioni, registri, modelli polivalenti, e-fatture B2C, differimento previo preavviso.

Modelli, numerazione, fatture elettroniche B2C e differite: sono alcuni dei temi al centro delle precisazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate in vista dell’obbligo di fatturazione elettronica per tutto il settore privato dal primo dicembre 2019.

=> Deleghe fattura elettronica: regole e moduli

Modelli polivalenti (spesso utilizzati dagli artigiani): questi prestampati fiscali saranno utilizzati solo dai contribuenti non interessati dai nuovi obblighi di emissione (come i forfettari). Per tutti gli altri, l’unico documento necessario (e soprattutto valido) sarà la fattura elettronica.

Registri: vista l’equiparazione fra fattura elettronica e fattura, non è necessario tenere registri sezionali o sotto-sezionali per la registrazione e la conservazione di entrambe le tipologie di fatture.

Numerazione fatture: stesso criterio di cui sopra. Potrà essere consecutiva senza distinguere fra documento elettronico e analogico. L’unico requisito è che resti univoca l’identificazione della fattura. Quindi, ad esempio, ci potrà essere la fattura numero 1 analogica, la numero 2 digitale e così via.

=> Detrazione IVA solo con fattura elettronica

Fatture elettroniche B2C: destinate a contribuenti che non hanno partita IVA e non emettono fattura elettronica, saranno visionabili online dai clienti che le ricevono, accedendo alla medesima area riservata utilizzata per accedere alla dichiarazione dei redditi precompilata. Quando un operatore (impresa o professionista) emette fattura elettronica tramite il SdI verso un consumatore finale, consegna subito a quest’ultimo una copia analogica del documento, non potendo consegnare la e-fattura a un indirizzo telematico.

Fatturazione differita: resta possibile entro il 15esimo giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. Viisto che la norma non lo esclude esplicitamente, il preavviso di parcella (cosiddetta fattura proforma, ossia un documento informale che in genere i professionisti utilizzando per anticipare la richiesta di pagamento della prestazione proposta) legittima il ricorso alla fatturazione differita e cumulativa mensile.  Si tratta comunque di un punto su cui, prevedibilmente, saranno necessari ulteriori chiarimenti da parte del Fisco.