Tratto dallo speciale:

Tax Free Shopping: fattura elettronica da settembre

di Redazione PMI.it

scritto il

Tax free shopping: dal 1° settembre 2018 obbligo di emissione di fattura elettronica, con ricorso al sistema doganale Otello per le agevolazioni IVA.

Parte dal 1° settembre 2018 l’obbligo di fatturazione elettronica per il tax free shopping (acquisti esentasse) previsto dal decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017 (art. 4-bis, D.L. n. 193/2016).

Originariamente previsto per il primo gennaio, il termine per l’avvio dell’obbligo è stato rinviato dalla Legge di Stabilità a causa dell’emanazione in ritardo del provvedimento attuativo.

=> Fatturazione elettronica: come funziona

Dunque, da settembre viene garantita l’interoperabilità tra il sistema di fatturazione elettronica e il sistema OTELLO (Online Tax refund at Exit: Light Lane Optimization) dell’Agenzia delle Dogane per le cessioni di beni e prestazioni di servizi del valore complessivo superiore a 154,94 euro e destinati ad uso personale o familiare, trasportati in bagagli personali fuori dal territorio doganale comunitario (compresi gli acquisti per familiari non viaggiatori).

Il sistema digitalizza il procedimento per ottenere il “visto doganale” di uscita della merce dal territorio comunitario sulla fattura, da apporre sulla fattura per avere diritto allo sgravio diretto o al rimborso successivo dell’IVA sui beni acquistati in Italia da soggetti domiciliati o residenti fuori dalla UE.

Per i commercianti, il vantaggio consiste in una semplificata modalità di fatturazione grazie all’applicazione del nuovo sistema e in un aumento della propria competitività sul mercato derivante da una maggiore efficienza e da un miglioramento della shopping experience.

=> E-Fattura tra privati, rinvio al 2019

L’obiettivo è di garantire la completa tracciabilità delle operazioni tax free e la gestione automatizzata del rischio. Inoltre, in questo modo si riducono i costi pubblici per i controlli doganali e si auspica un maggior gettito erariale derivante dalla riduzione di frodi IVA, stimate in centinaia di milioni di euro.