Quirky: le idee diventano prodotti con l’aiuto della Rete

di Alfredo Bucciante

scritto il

Quando si parla di Internet, e in particolare di Web 2.0, ci si concentra sempre sull'aspetto comunicativo, che è quello necessariamente più evidente e alla base di tutto, ma spesso rischia di rimanere un po' fine a se stesso.

Occupandoci di applicazioni online, vengono però spesso in luce anche altri aspetti del fenomeno. Alla base c'è ovviamente la comunicazione, ma come in questo caso gli scopi possono essere ben precisi e determinati.

Quirky è, se vogliamo, come un social network, finalizzato però alla progettazione di prodotti. Prodotti veri, che poi vengono anche venduti online tramite lo stesso sito.

Il punto di partenza è l'idea, l'invenzione, che può essere presentata sul sito e successivamente, dopo una valutazione iniziale da parte dei partecipanti al sito e del team di Quirby, inizia un processo in cui gli utenti possono integrare l'idea con proprie considerazioni.

Seguono poi altre indicazioni da parte dello staff di Quirky, ma a questo punto il prodotto è già  in una fase di sviluppo, e pronto, dopo un ulteriore intervento di sintesi e rifinitura finale, per essere successivamente realizzato e venduto, in un tempo di circa due mesi.

L'aspetto interessante è che, partecipando alla progettazione, gli utenti hanno poi diritto a una quota rispetto al prezzo di vendita, in ragione dell'influenza che hanno avuto sul risultato finale. Il tutto si può monitorare tramite il sito, una volta avviata la fase finale.

Per pubblicare una nuova idea occorre pagare 99 dollari, ma senza ovviamente la garanzia che poi venga scelta. Uno degli obiettivi è riuscire a produrre un oggetto nuovo a settimana. Il sito, ovviamente, può essere utilizzato anche semplicemente per acquistare prodotti.