Decreto IRPEF con fiducia: le misure approvate

di Noemi Ricci

scritto il

Il DL IRPEF è passato in Senato con voto di fiducia: analisi del maxi-emendamento approvato.

Passa al Senato con voto di fiducia (159 voti favorevoli e 112 voti contrari) il Decreto IRPEF: si tratta di un maxi-emendamento interamente sostitutivo del Ddl n. 1465 di conversione del DL n. 66/2014 che ora passa all’esame della Camera. Vengono così approvate le modifiche apportate con gli emendamenti che hanno ricevuto l’ok delle Commissioni riunite.

=> DL IRPEF:  misure approvate in Commissione

Novità del DL IRPEF

  • Bonus IRPEF in busta paga strutturale e da estendere esteso a famiglie con almeno due figli e reddito 40-50mila euro  con la Legge di Stabilità 2015
  • Debiti PA saldati anche per società ed enti partecipati da enti locali;
  • Rinvio TASI a ottobre nei Comuni senza aliquote IUC;
  • Rateizzazione cartelle Equitalia per i contribuenti rimasti fuori;
  • Niente taglio dei costi operativi alla RAI;
  • Pubblicazione online dei compensi dei membri dei CdA delle controllate dalle PA;
  • Proroga al 15 settembre dei canoni di concessione demaniale marittima e al 15 ottobre del riordino della materia.

Misure già approvate

  • Aumento 0,5% dal 2014 per la tassazione sui fondi pensione (11,5%);
  • Rateizzazione imposta su rivalutazione beni d’impresa (16 giugno, settembre e dicembre);
  • Misure straordinarie di contrasto all’evasione e destinazione anche nel 2015 al Fondo per la riduzione del cuneo fiscale.

 

I Video di PMI

Italia fuori dall’Euro: le ragioni del sì e del no