Strategie 2013: le PMI si aspettano di crescere

di Barbara Weisz

scritto il

Le PMI italiane non sottovalutano la crisi ma sono ottimiste per il 2013, puntando su strategie di crescita volte ad attirare nuovi clienti e incrementare le vendite: Barometro SBS di American Express.

La crisi economica continuerà a farsi sentire, ma oltre la metà delle PMI italiane per il 2013 ormai alle porte si aspetta una crescita.
Le priorità strategiche: attirare nuovi clienti, fidelizzarli, massimizzare le vendite. Sono i dati del Barometro SBS (Small Business Services) di American Express.

La ricerca è stata condotta su un campione di 250 decision maker di imprese sotto i 100 dipendenti e presenta uno scenario in cui perde importanza l’esigenza di tagliare i costi a favore della volontà di vendere di più.

=> Leggi anche quali sono i trend 2013 secondo Confindustria

E’ pari al 51% la percentuale di imprenditori che si aspetta una crescita nel 2013. Certo, restano le preoccupazioni per la crisi: il 62% delle PMI percepisce l’impatto della recessione dell’Eurozona, il 68% riscontra un calo della domanda e della spesa dei consumatori.

Quali sono le opportunità di crescita in questo non facile scenario?

Secondo il 55% degli imprenditori si trovano nel proprio paese, non all’estero. Il 75% vuole attirare nuovi clienti, il 49% dichiara l’esigenza di massimizzare le vendite, mentre è ben più bassa, al 27%, la percentuale di coloro che intendono concentrarsi nel tagliare le spese.

Per acquistare nuovi clienti, il 67% preferisce puntare sulle relazioni pubbliche, il 53% conta sul passaparola, mentre, a sorpresa, fra le strategie di marketing non riscuotono particolare successo i social network come Facebook e Twitter, ritenuti utili dal 24% degli intervistati.

=> Ecco come accrescere il business con il Social Media Marketing

Le aree di business su cui gli imprenditori intendono concentrarsi sono soprattutto la relazione con i clienti, 55%, seguita da strategia e pianificazione, 54%. Su quest’ultimo punto, emerge un quadro di scarsa esperienza: le PMI italiano in genere pianificano per brevi periodi, il 41% non lo fa per nulla, decidendo di settimana in settimana, solo 17% progetta con un orizzonte temporale di alcuni anni.

Altra attività molto gettonata, la ricerca di nuove opportunità e la diversificazione del business (67%).

Come detto la ricerca di nuovi clienti è una priorità assoluta 2013,  ma non sembra un compito facile, anzi: il 60% dei proprietari di piccole imprese lo trova molto difficile.

Infine, la crisi incide sui ritmi di lavoro: il 60% lavora più ore rispetto al passato a causa della pressione derivante dalla gestione degli affari, il 46% ha rinunciato alle vacanze negli ultimi 12 mesi a causa di impegni lavorativi.

Commenta Tabitha Lens, Head of SBS di American Express Italy: «mentre in precedenza il focus per le aziende era tagliare i costi o risolvere i problemi legati ai flussi di cassa, è incoraggiante che la maggior parte delle piccole imprese oggi si concentri sulla crescita, dando priorità all’acquisizione di nuovi clienti e alla massimizzazione del potenziale per acquisire la fiducia dei consumatori». Secondo la manager, la ricerca mostra «come in questo momento sia più importante che mai investire in pianificazione, marketing e costumer service. Un numero ancora elevato di aziende si affida al passaparola, quindi, cercare di superarsi e fornire un servizio sempre migliore, può essere quello che serve per ottenere il giusto vantaggio competitivo e sfruttare nuove opportunità commerciali».

I Video di PMI

Storie su Instagram: un formato a misura di PMI