Monti, Sud, perché no? Se riparte il Mezzogiorno riparte il Paese

di Redazione PMI.it

scritto il

PNRR: Riccardo Maria Monti lancia l’associazione Sud, perché no?, progetti e competenze per far crescere il Mezzogiorno a beneficio del Paese.
Se riparte il Sud – e con il Recovery e con un intelligente utilizzo delle risorse esistenti è possibile – riparte il Paese.

E’ la convinzione, sintetizzata da Riccardo Maria Monti (presidente di Triboo), che anima del progetto Sud, perché no?, nuova associazione di esperti e tecnici per raccogliere idee progettuali finalizzate al rilancio del Mezzogiorno.

Sfruttando l’opportunità “unica e irripetibile” del Recovery Plan, il Sud ha finalmente tutta l’attenzione possibile e tutte le risorse necessarie per superare ostacoli e immobilismi mettendo in atto progetti innovativi legati al territorio, in primis puntando sulle infrastrutture, ma anche puntati all’orizzonte, grazie alle potenzialità dell’internazionalizzazione, passando per la valorizzazione dei giovani e dei talenti locali per l’attuazione dei progetti d’impresa e per la concretizzazione delle riforme e della transizione al digitale a vantaggio del Paese e del Made in Italy.

Dopo i saluti del Ministro per il Sud, Mara Carfagna, hanno preso la parola all’incontro il Presidente del gruppo Tecno, Giovanni Lombardi, il Presidente dell’Anfia, Paolo Scudieri, l’Amministratore Delegato del Mediocredito, Bernardo Mattarella, il presidente della Luiss, Vincenzo Boccia, l’Amministratore Delegato di Fresystem Spa, il Cavaliere della Repubblica Imma Simioli, il numero uno di Pegaso, Danilo Iervolino, il Presidente Entopan, Francesco Cicione.

=> Recovery Plan per il rilancio del Mezzogiorno

Fra gli interventi, anche quelli del direttore Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Paolo Giulierini, del Vice Presidente della COELMO SpA, il  Cavaliere della Repubblica Stefania Brancaccio, quello della presidente di Intramedia, Raffaella Papa e Antonio Lucidi de ‘L’altra Napoli’. In chiusura dei lavori, il Presidente Svimez, Adriano Giannola, ha ricordato:

Il Sud ha tutte le possibilità per essere il secondo motore di un Paese che vuole ripartire. Le iniziative che invertono la rotta sui temi del Mezzogiorno, gli stimoli che dicono stop all’eutanasia della questione meridionale, sono utili e preziose.