Tratto dallo speciale:

Mappa Coronavirus: situazione in Italia ad agosto 2020

di Redazione PMI.it

scritto il

Emergenza Coronavirus in Italia: la situazione ai primi di agosto per quanto riguarda i nuovi casi di COVID-19 e i dati da inizio epidemia.

Il Governo italiano ha prorogato lo stato di emergenza per Coronavirus fino al 15 ottobre, a fronte del perdurare della presenza in Italia del rischio di contagio da Covid-19.

Nonostante la situazione negli ultimi mesi sia migliorata, nel Paese si continuano infatti a registrare ancora nuovi casi di Coronavirus, nell’ordine delle centinaia.

Bisogna dunque continuare a rispettare le misure di prevenzione legate allo stato di emergenza, sia per le attività economico-produttive e ludiche, sia per viaggi e spostamenti nel Paese e all’estero.

Ed è fortemente consigliato anche di utilizzare l’app Immuni selezionata dal Governo con l’obiettivo di individuare tempestivamente tutti i possibili contatti delle persone eventualmente contagiate e contrastare così il diffondersi del virus.

=> Emergenza Coronavirus fino al 15 ottobre: cosa cambia

Vediamo ora i dati sui contagi aggiornati ai primi di agosto 2020, diffusi ufficialmente dal Dipartimento della Protezione Civile e consultabili a questo link: a quanto ammontano attualmente i contagi da Covid-19 in Italia, quanti sono i dimessi/guariti, i deceduti, i casi totali registrati nel nostro Paese da inizio epidemia e le zone di Italia più colpite.

=> Coronavirus: vademecum per un post lockdown contactless

Coronavirus in Italia a inizio agosto 2020

Ricordiamo che dal 25 giugno il flusso dei dati aggregati inviati dalle Regioni coordinato da Ministero della Salute è stato integrato con il supporto dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), il cui flusso comprende anche i dati demografici, le comorbidità, lo stato clinico e la sua evoluzione nel tempo, consentendo un’analisi più accurata della diffusione del Coronavirus in Italia.

Negli ultimi 30 giorni (dati registrati al 31 luglio 2020):

  • sono stati registrati 6.186 nuovi casi;
  • di cui 200 casi tra gli operatori sanitari;
  • l’età media è di 41 anni;
  • nel 56,5% sono maschi, 43,5% femmine;
  • i deceduti sono stati 200;
  • i guariti sono stati 10.590.

Alla data del 3 agosto in Italia c’erano:

  • 159 nuovi casi di Covid-19, contro i 239 del giorno precedente e i 295 di due giorni prima;
  • 12.474 persone positive al Coronavirus;
  • 200.589 dimessi/guariti (+129);
  • 35.166 deceduti (+12);
  • 248.229 casi totali da inizio pandemia.

La situazione peggiore resta, come da inizio epidemia, in Lombardia, dove i casi di contagio dall’inizio dell’epidemia sono 96.337, la seconda regione più colpita è il Piemonte con 31.711 casi, seguito dall’Emilia-Romagna con 29.808 e dal Veneto con 20.233 casi. In cinque regioni non si sono verificati nuovi contagi nelle ultime 34 ora Marche, Friuli Venezia Giulia, Calabria, Valle d’Aosta e Basilicata.

=> Confronta con la situazione in Italia a luglio 2020

Totale casi per Provincia:

  • Milano (Lombardia): 24.966;
  • Torino (Piemonte): 15.997;
  • Brescia (Lombardia): 15.957;
  • Bergamo (Lombardia): 15.049;
  • Cremona (Lombardia): 6.732;
  • Roma (Lazio): 6.367;
  • Monza e della Brianza (Lombardia): 5.889;
  • Genova (Liguria): 5.697;
  • Bologna (Emilia-Romagna): 5.622;
  • Pavia (Lombardia): 5.621;
  • Verona (Veneto): 5.212;
  • Reggio nell’Emilia (Emilia-Romagna): 5.028;
  • Trento (P.A. Trento): 4.981;
  • Piacenza (Emilia-Romagna): 4.488;
  • Padova (Veneto): 4.282;
  • Como (Lombardia): 4.161;
  • Alessandria (Piemonte): 4.107;
  • Modena (Emilia-Romagna): 4.039;
  • Varese (Lombardia): 4.012;
  • Parma (Emilia-Romagna): 3.759;
  • Mantova (Lombardia): 3.696;
  • Lodi (Lombardia): 3.631;
  • Firenze (Toscana): 3.298;
  • Treviso (Veneto): 2.938;
  • Cuneo (Piemonte): 2.932;
  • Vicenza (Veneto): 2.920;
  • Lecco (Lombardia): 2.878;
  • Venezia (Veneto): 2.863;
  • Novara (Piemonte): 2.821;
  • Pesaro e Urbino (Marche): 2.819;
  • Napoli (Campania): 2.777;
  • Bolzano (P.A. Bolzano): 2.734;
  • Rimini (Emilia-Romagna): 2.256;
  • Ancona (Marche): 1.893;
  • Asti (Piemonte): 1.886;Forlì-Cesena (Emilia-Romagna): 1.789;
  • Savona (Liguria): 1.640;
  • Pescara (Abruzzo): 1.628;
  • Sondrio (Lombardia): 1.609;
  • Imperia (Liguria): 1.527;
  • Bari (Puglia): 1.511;
  • Trieste (Friuli Venezia Giulia): 1.414;
  • Lucca (Toscana): 1.391;
  • Vercelli (Piemonte): 1.355;
  • Belluno (Veneto): 1.212;
  • Aosta (Valle d’Aosta): 1.209;
  • Foggia (Puglia): 1.205;
  • Macerata (Marche): 1.169;
  • Ravenna (Emilia-Romagna): 1.154;
  • Verbano-Cusio-Ossola (Piemonte): 1.154;
  • Ferrara (Emilia-Romagna): 1.117;
  • Massa Carrara (Toscana): 1.057;
  • Biella (Piemonte): 1.056;
  • Udine (Friuli Venezia Giulia): 1.029;
  • Perugia (Umbria): 1.027;
  • Pisa (Toscana): 957;
  • Sassari (Sardegna): 887;
  • La Spezia (Liguria): 879;
  • Catania (Sicilia): 855;
  • Chieti (Abruzzo): 843;
  • Salerno (Campania): 789;
  • Pistoia (Toscana): 756;
  • Pordenone (Friuli Venezia Giulia): 742;
  • Arezzo (Toscana): 695;
  • Frosinone (Lazio): 675;
  • Brindisi (Puglia): 672;
  • Latina (Lazio): 662;
  • Teramo (Abruzzo): 640;
  • Caserta (Campania): 620;
  • Avellino (Campania): 579;
  • Lecce (Puglia): 567;
  • Prato (Toscana): 559;
  • Palermo (Sicilia): 518;
  • Messina (Sicilia): 495;
  • Cosenza (Calabria): 492;
  • Livorno (Toscana): 485;
  • Fermo (Marche): 478;
  • Viterbo (Lazio): 462;
  • Rovigo (Veneto): 461;
  • Enna (Sicilia): 441;
  • Siena (Toscana): 431;
  • Rieti (Lazio): 423;
  • Grosseto (Toscana): 408;
  • Campobasso (Molise): 390;
  • Terni (Umbria): 387;
  • Barletta-Andria-Trani (Puglia): 382;
  • Siracusa (Sicilia): 333;
  • Ascoli Piceno (Marche): 299;
  • Reggio di Calabria (Calabria): 298;
  • Taranto (Puglia): 281;
  • Cagliari (Sardegna): 262;
  • L’Aquila (Abruzzo): 260;
  • Gorizia (Friuli Venezia Giulia): 225;
  • Catanzaro (Calabria): 217;
  • Matera (Basilicata): 213;
  • Benevento (Campania): 210;
  • Potenza (Basilicata): 192;
  • Caltanissetta (Sicilia): 189;
  • Agrigento (Sicilia): 167;
  • Ragusa (Sicilia): 146;
  • Trapani (Sicilia): 139;
  • Sud Sardegna (Sardegna): 123;
  • Crotone (Calabria): 121;
  • Vibo Valentia (Calabria): 91;
  • Nuoro (Sardegna): 83;
  • Isernia (Molise): 67;
  • Oristano (Sardegna): 61.

I Video di PMI

DL Agosto: Guida alle misure fiscali