Tratto dallo speciale:

Manovra: nuove detrazioni IRPEF dal 2020

di Barbara Weisz

scritto il

In detrazione nuove voci di spesa in caso di pagamento digitale e novità sugli sconti IRPEF nel 730: misure allo studio in vista della manovra 2020.

Niente cashback con restituzione IVA sui pagamenti tracciabili ma detrazione fiscale alla stregua dei rimborsi IRPEF nel 730: è l’ultima ipotesi allo studio in vista dell’ormai imminente manovra 2020.

Incentivo spese digitali

Il Governo sta pensando di offrire ai contribuenti la possibilità di portare in detrazione IRPEF nuove voci di spesa, relative a scenari di pagamenti a rischio di evasione: idraulico, meccanico, estetista, parrucchiere, ristorante. Ma solo se il pagamento si effettua con carta e bancomat o altri metodi tracciabili.

=> Legge di Bilancio 2020, tutte le misure attese

Ancora da decidere l’aliquota di detrazione: si parla di una forbice tra il 10 e il 19%.

Cashback accantonato

Questo meccanismo sostituisce l’ipotesi precedentemente considerata di applicare uno sconto IVA a fronte di pagamenti elettronici, restituendo un somma pari allo sconto/incentivo (es.: 2-3% IVA) su ogni transazione pagata con la carta direttamente sull’estratto conto mensile (il cosiddetto cashback).

Riforma incentivi IRPEF?

La detrazione solo a fronte di pagamento digitale potrebbe essere estesa anche a un serie di voci che già prevedono il diritto all’agevolazione, come le spese funebri, le attività sportive per i figli ma anche le spese sanitarie. In pratica, detrazione solo a fronte di un pagamento digitale o di scontrino parlante, come quello delle farmacie.

Non solo: allo studio c’è anche la riduzione delle detrazioni (resterebbero intatte quelle su mutui, ristrutturazioni, bonus energia e mobili) per i redditi sopra i 100mila euro, fino all’azzeramento per chi guadagna 300mila euro.

Altre novità

Il rilascio del codice fiscale da parte del contribuente che effettua un acquisto, in ogni caso, a partire dal 2020 sarà incentivato dalla cosiddetta lotteria degli scontrini, che a sua volta prevede un’agevolazione ulteriore per chi paga con le carta (probabilità di vittoria superiore del 20%).

Si abbassano le commissioni anche per gli esercenti che accettano i pagamenti digitali, dovrebbe tornare a mille euro la soglia massima per il pagamento in contanti.

Tempistica

I dettagli si conosceranno nelle prossime ore.  Nella serata di oggi, martedì 15 ottobre, Consiglio dei Ministri per approvare il documento programmatico di bilancio da inviare a Bruxelles entro la mezzanotte. Il documento contiene numeri, linee generali e descrizione delle misure chiave della prossima manovra 2020.

A seguire Legge di Bilancio e Decreto fiscale collegato (nel quale, con ogni probabilità, confluiranno le nuove detrazioni in ottica di contrasto all’evasione fiscale. Un capitolo particolarmente corposo della Manovra 2020, con sette miliardi di risorse previste.

In teoria, il CdM potrebbe approvare anche la manovra vera e propria, ma ci sono ipotesi in base alle quali questo appuntamento, insieme al via libera al decreto fiscale, slitterebbe a lunedì, 21 ottobre.