Tratto dallo speciale:

Controversie internazionali: come recuperare il credito

di Redazione PMI.it

scritto il

SACE SIMEST e Agenzia ICE insieme per mettere al sicuro dal rischio di insolvenza le PMI italiane dell'export con un servizio di recupero crediti esteri.

Firmato da parte di SACE SIMEST (Gruppo CDP) un accordo con l’Agenzia ICE per offrire alle imprese italiane esportatrici un servizio integrato di assistenza per la risoluzione di controversie internazionali di recupero crediti anche extra-UE.

L’accordo nasce dalla consapevolezza di una crescente rischio per le imprese italiane dell’export di incorrere in un mancato pagamento, a fronte del fatto che oltre l’85% delle transazioni all’estero avviene oggi tramite dilazioni. Un rischio che aumenta qualora l’azienda operi con controparti di mercati emergenti che, pur offrendo spesso un ottimo potenziale di business, sono poco conosciuti e più soggetti a instabilità e shock esogeni.

Un paracadute contro il rischio di insolvenza

Proprio per questo SACE SIMEST e Agenzia ICE hanno deciso di unire le forze per dare alle nostre imprese dell’export, soprattutto le PMI, un adeguato set di strumenti per tutelarsi e affrontare le difficoltà, dando così loro modo di diminuire l’esposizione al rischio di insolvenza e di poter investire nella propria crescita sui mercati internazionali con maggiore tranquillità, in particolare nelle geografie emergenti che, a fronte di più elevati livelli di criticità, presentano un maggior potenziale.

=> Come misurare l’affidabilità del cliente

La partnership prevede l’unione delle reciproche expertise per indirizzare le imprese esportatrici verso le migliori soluzioni per recuperare i propri crediti all’estero:

  • l’Agenzia ICE, grazie ad una rete mondiale di uffici all’estero, metterà a disposizione la propria competenza, offrendo alle aziende un servizio personalizzato di assistenza per la soluzione di controversie internazionali su crediti da recuperare, tramite un tentativo di risoluzione amichevole extragiudiziale effettuato dal personale degli uffici della rete estera.
  • se dopo un certo periodo di tempo questa attività non dovesse produrre i risultati sperati, entrerebbe in gioco il servizio di recupero crediti della SACE-SRV, sia per la fase stragiudiziale che per quella giudiziale, fruibile dalle aziende a condizioni agevolate.

Per Roberto Luongo, Direttore Generale dell’ICE-Agenzia, si tratta di:

un ulteriore tassello nella cooperazione tra ICE e SACE SIMEST che, attraverso un approccio orientato alla sinergia e alla collaborazione, ha sinora prodotto risultati tangibili nella export education, negli eventi sul territorio con le imprese italiane, nelle analisi economiche integrate funzionali alla Cabina di Regia per l’Internazionalizzazione.

Valerio Ranciaro, Direttore Generale di SACE SRV, aggiunge:

Visto il contesto macroeconomico globale sempre più complesso, le imprese devono dotarsi di tutti gli strumenti necessari per proteggere il proprio business. Quelle che non lo hanno fatto e si trovano in difficoltà devono sapere che possono contare su SACE SRV, de facto un punto di riferimento unico sul mercato per il recupero crediti sui mercati extra-UE. L’accordo con ICE permetterà sempre di più di mettere questo servizio molto concreto a disposizione di un numero crescente di aziende Italiane.