Tratto dallo speciale:

Reddito di cittadinanza con modello Mississippi

di Barbara Weisz

scritto il

Il potenziamento dei centri per l'impiego al servizio del reddito di cittadinanza con una piattaforma web basata su modelli data driven: come funziona il modello Missisippi.

Il reddito di cittadinanza va a braccetto con la Riforma dei centri per l’impiego: è uno dei punti fondamentali relativi alla norma che il Governo sta preparando, che sembra più complessa del previsto. Tanto che non riuscirà a confluire in Legge di Bilancio, dove resterà solo indicazione dei finanziamenti e degli obiettivi, mentre le norme attuative confluiranno in un disegno di legge successivo.

=> Reddito di cittadinanza, novità in arrivo

E proprio sui centri per l’impiego e sul modo di rilanciarli al fine di ottimizzare le future risorse destinate ai reddito di cittadinanza si stanno concentrano gli sforzi del Governo, che si è rivolto a un supertecnico internazionale per mettere a punto la riforma dei centri per l’impiego, Domenico Parisi, direttore del National Strategic Planning and Analysys Research Center dell’Università del Mississippi. Nello Stato americano, Parisi ha messo a punto un innovativa piattaforma web e mobile (Mississippi works) dedicata all’incontro fra domanda e offerta di lavoro, che sfrutta i Big Data. Un modello di studio a livello internazionale, che sta per essere applicato anche in Colorado. L’idea è  di prenderla come riferimento per la Riforma dei Centri per l’impiego italiani. Non si conoscono i dettagli del piano per replicare in Italia il Modello Mississippi, che potrebbe prevedere anche nel nostro Paese il lancio di una specifica piattaforma, oltre a forme di sostegno all’interno dei centri per l’impiego per potenziare il matching fra esigenze del mercato e competenze dei candidati. L’idea è  di supportare iniziative di formazione e reinserimento lavorativo, utilizzando al meglio le possibilità delle tecnologie e del web.

=> Legge di Bilancio senza riforma pensioni e reddito di cittadinanza

Nel frattempo, si attende il testo della manovra che conterrà, almeno, le prime indicazioni sul reddito di cittadinanza. Lo stanziamento è pari a 9 miliardi, di cui uno dedicato ai centri per l’impiego. In base a quanto comunicato dal Governo alla Commissione Ue nel Documento programmatico di Bilancio, il reddito di cittadinanza spetta a coloro che sono residenti in Italia da almeno 5 anni. Sarà con ogni probabilità necessario presentare specifica domanda (in un primo tempo invece sembrava che il reddito di cittadinanza potesse essere attribuito automaticamente agli aventi diritto).

I Video di PMI

Reddito di cittadinanza: requisiti e sussidio