Le professioni 2015, la classifica USA

di Barbara Weisz

scritto il

Ci sono le specializzazioni legate alle nuove tecnologie (matematici, programmatori, sistemisti), ma anche attività più specifiche e, perchè no, originali, nella top ten delle professioni 2015 di Careercast.com: la classifica si riferisce al mercato statunitense, ma certo propone spunti interessanti anche per i professionisti italiani, ad esempio in riferimento alla prima posizione conquistata dagli attuari. La miglior professione 2015 negli USA è in crescita anche in Italia, con un tasso di disoccupazione pari a zero e offerte di lavoro che tendenzialmente arrivano al termine del percorso di formazione.

=> Lavoro: le professioni più richieste

Il percorso di studi prevede la laurea (in specifici corsi di studio di discipline economiche, finanzirie, o statistiche), quindi l’esame di stato, che si articola in quattro prove. L’attuario, ovvero il professionista che effettua la valutazione dei dati economici e finanziari elaborando previsioni ed esprimendo valutazioni (ad esempio, sui rischi), può esercitare la libera professione oppure lavorare in azienda: i campi di maggior applicazione, in Italia, sono quello previdenziale e assicurativo, ma la professione si sta sviluppando anche in ambiti aziendali (valutazione economica, ma anche prospettive strategiche) e finanziari (banche).

=> Lavoro stagionale: richieste in tutta Italia

Tornando alla classifica di Careercast.com, negli Usa questi professionisti guadagnano circa 95mila dollari l’anno, seguiti da audiologi, a quota 71mila, e matematici, che pur essendo al terzo posto (i fattori presi in considerazione sono diversi, ambiente di lavoro, livello di stress, impegno fisico), hanno uno stipendio medio più alto, sopra i 100mila dollari, e un mercato del lavoro diversificato, che abbraccia il settore tecnologico, quello economico e finanziario, oltre a quello tradizionale dell’insegnamento, anche accademico, e della ricerca. Seguono, velocemente, nella classifica delle professioni 2015, statistici, ingegneri biomedici, data scientist, igienisti dentali, programmatori, terapisti occupazionali (prevenzione, cura e riabilitazion persone affette da disturbi fisici o psichici), sistemistiLe professioni peggiori del 2015? All’ultimo posto i giornalisti, su cui pesa la crisi dei quotidiani, davanti ai quali ci sono, nell’ordine: boscaioli, militari, cuochi, annunciatori radiofonici, fotoreporter, agenti penitenziari, tassisti, vigili del fuoco, postini.

I Video di PMI